Home > Attualità > Addio a Zi Riccardo Esposito Abate (VIDEO)

Addio a Zi Riccardo Esposito Abate (VIDEO)

martedì 18 febbraio 2014

Un cantore della tradizione popolare, suonatore di tammorre e profondo conoscitore della storia etnografica e musicale di Somma Vesuviana e dell’intera area vesuviana. Con la sua arte era arrivato a far conoscere la musica popolare in tutta italia, suonava ovunque e ovunque portava allegria e spensieratezza insieme alla sua paranza "Zi Riccardo e le donne della Tammorra". La notte scorsa il suo cuore, forte e tenero, allo stesso tempo ha smesso di battere, lasciando nello sconforto quanti in lui rivedevano il custode di un’antica tradizione. Riccardo Esposito Abate cuore e anima di una musica che si rinnova nei secoli, una musica che lui ha fatto amare a tanti giovani che oggi continuano a suonarla e ballarla come accadeva secoli fa. Alla triste notizia, politici,artisti, associazioni culturali, semplici cittadini, autorità in campo musicale stanno lasciando il loro segno tangibile di cordoglio sulla bacheca Facebook della paranza di Zi Riccardo. Consci che non ci sono parole per raccontare questo dolore, il direttore Gabriella Bellini e la redazione della Provinciaonline hanno deciso di salutare il maestro con una poesia che oggi ha scritto per lui Enzo Ciniglio ed un video ripreso da VIncenzo Caputo esprimendo il cordoglio alla famiglia. I funerali si terranno domani alle ore 10,30 nella chiesa di Santa Maria di Costantinopoli a Rione Trieste.

’A terra sarra’ chiù triste.......,
mo’ ca’ a natu munno vaje a sunà....
’a vota ’sta tammorra zi Ricca’.
Quann’ vire a Isso
rille ca cuntinuamm’ a tammurià!
Rinte ’na fronna.....
a ’nu ballo n’copp ’o tammurro
staje semp miez’a nuje....
lignamm’ e ’sta pertica
ca riallamm’ a figliola.
Canta ancora zi Ricca’......

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.