Home > Attualità > Comunicati Stampa > Afragola. Ditta lucrava sulle lampade votive al cimitero, il sindaco (...)

Afragola. Ditta lucrava sulle lampade votive al cimitero, il sindaco Tuccillo ripristina la legalità

La ditta sollevata dall’incarico – aggiunge l’Assessore Affinito – ha mancato di versare al Comune di Afragola un agio di circa 350 mila euro.

sabato 5 ottobre 2013

Afragola, – Il Sindaco, onorevole Domenico Tuccillo, in vista della Commemorazione dei defunti del prossimo 2 novembre ristabilisce la legalità al cimitero. Dopo aver scoperto che la ditta incaricata dei servizi di installazione delle lampade votive al camposanto svolgeva ormai da due anni le proprie attività senza corrispondere i contributi dovuti al Comune, e dopo le verifiche compiute dall’Assessore ai Servizi Cimiteriali, avvocato Giuseppe Affinito, l’Amministrazione Comunale ha infatti proceduto alla revoca del mandato. Nell’imminenza del Ponte di Ognissanti i servizi sono stati quindi assegnati a una nuova impresa, in attesa di svolgere una nuova gara pubblica di affidamento.

«Si tratta di un’operazione importante – ha commentato il primo cittadino, onorevole Tuccillo – con cui l’amministrazione ha inteso porre fine a una grave situazione di illegalità, andando a sanare il grave danno economico che si continuava a consumare a spese delle casse comunali e quindi del cittadino».

«In particolare la ditta sollevata dall’incarico – aggiunge l’Assessore Affinito – ha mancato di versare al Comune di Afragola un agio di circa 350 mila euro. Abbiamo potuto appurare, inoltre, che pur essendo cessata di fatto nel maggio 2012, la ditta in questione aveva continuato fino alla giornata di ieri a incassare, senza averne titolo, somme di denaro dai cittadini afragolesi».

V.A/m.e

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.