Home > Appuntamenti > Anniversario Eccidio di Nola – L’Amministrazione comunale proclama la (...)

Anniversario Eccidio di Nola – L’Amministrazione comunale proclama la “Giornata dell’Amor Patrio” – Presentazione del libro di Alberto Liguoro “Nola, cronaca dall’Eccidio”

lunedì 9 settembre 2013

L’amministrazione comunale di Nola ricorda il 70° anniversario dell’Eccidio, una delle stragi naziste più gravi compiute nel sud d’Italia in cui undici ufficiali italiani furono fucilati dai tedeschi come rappresaglia per l’uccisione in combattimento di un tenente tedesco il giorno precedente ad opera di quello che era ormai l’ex esercito alleato italiano dopo il famoso 8 settembre, e proclama per il giorno 11 settembre la “giornata dell’Amor Patrio”.

In mattinata, alle ore 11,30 cerimonia solenne dinnanzi al monumento ai Caduti in piazza Matteotti, dove, alla presenza di autorità civili, religiose e militari, sarà deposta una corona di alloro con la partecipazione della fanfara della Brigata Bersaglieri di Caserta. Nel pomeriggio, alle 17, presso il museo archeologico in via Senatore Cocozza sarà presentato il libro dello scrittore Alberto Liguoro (figlio di uno degli undici ufficiali italiani fucilati nel ’43) dal titolo “Nola, cronaca dall’Eccidio”. Alla presentazione parteciperanno il sindaco Geremia Biancardi, l’assessore ai beni culturali, Cinzia Trinchese, il vescovo di Nola mons. Beniamino Depalma, il presidente del Rotary Club “Nola – Pomigliano D’Arco”, Leonardo Napolitano e il presidente dell’associazione nazionale “Amici del marciapiede”, Giulio La Marca. Interverranno inoltre, oltre l’autore, il dott. Ferdinando Imposimato, presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, lo storico Guido D’Agostino, docente all’’Università Federico II di Napoli e studioso di storia della resistenza, il senatore Aldo Masullo, filosofo e docente universitario e il giornalista Roberto Ormanni, autore della prefazione al libro.

“ La Storia insegna – ha dichiarato l’assessore ai beni culturali Cinzia Trinchese -. Ricordare uno dei primi episodi della resistenza italiana è occasione propizia e opportuna per una analisi approfondita di quel contesto storico per troppo tempo dimenticato. Bisogna combattere l’oblio che certo rassicura eliminando responsabilità, colpe, paure, evitando di riflettere, togliendo dalla nostra vista le cause degli errori dell’umanità. Quello che si consumò settanta anni fa in piazza D’Armi fu un vero e proprio orrore che oggi rivive nelle pagine del libro – verità di Alberto Liguoro della cui presenza a Nola, insieme a quella di Maurizio Forzati, entrambi figli di due degli undici ufficiali fucilati dai tedeschi nel ’43, ci sentiamo onorati. Rivivere la memoria ricordandone il profondo significato attraverso i luoghi e la testimonianza diretta di chi è stato segnato da quella strage rappresenta l’esempio chiaro e concreto di forte appartenenza ai valori della propria storia”.

“Quanti undici settembre e quante altre date che il mondo non può dimenticare si sono succedute negli ultimi decenni – ha dichiarato il sindaco Geremia Biancardi -. Date che hanno segnato episodi drammatici dell’intera esistenza umana. In un’epoca come quella che stiamo vivendo, in cui quotidianamente saltano in aria centinaia di corpi inermi e vengono barbaramente trucidate migliaia di persone in nome di guerre e di conflitti di ogni tipo, i fatti di Nola, dalla storia, invocano sentimenti di pace e di solidarietà, oltre gli angusti ed egoistici confini di appartenenze. L’Eccidio, dunque, non deve essere inteso oggi come l’antica fonte dell’odio, della vendetta, della rivendicazione. L’11 settembre è la data che dà inizio al nuovo risorgimento d’Italia e d’Europa, come lo furono i moti del lontano 1820/21 che, il caso, ha voluto iniziassero nello stesso luogo. Risorgiamo dalla barbarie, dalla tirannia di qualsiasi specie, dalla pulizia etnica e razziale. L’11 settembre è l’anelito perpetuo alla pace ed alla concordia, al confronto franco e rispettoso, è l’invito alla pacifica convivenza in una società più libera e meno distratta che noi oggi vogliamo ricordare nel settantesimo anniversario con chi, da quella strage, ha cambiato, forse, il suo percorso di vita”.

MERCOLEDì 11 SETTEMBRE 2013

“Giornata dell’Amor Patrio”

Programma:

ore 11,00 – Raduno autorità civili, militari e religiose in piazza Duomo

ore 11,15 – Partenza corteo per piazza Matteotti

ore 11,30 – Deposizione corona di alloro al monumento ai Caduti con la partecipazione della fanfara della Brigata Bersaglieri Garibaldi di Caserta

ore 17 – Presentazione libro di Alberto Liguoro “Nola, cronaca dall’eccidio”

presso il Museo Archeologico in via Senatore Cocozza

Saluti:

Avv. Geremia Biancardi – Sindaco di Nola

Arch. Cinzia Trinchese – Ass. Beni ed Attività Culturali

Sua Ecc. Mons. Beniamino Depalma – Vescovo della Diocesi di Nola

Dr. Leonardo Napolitano – Pres. Rotary Club “Nola – Pomigliano D’Arco”

Dr. Giulio La Marca – Pres. Associazione Nazionale “Amici del Marciapiede”

Interventi:

Prof. Aldo Masullo – Filosofo, docente Università Federico II di Napoli

Prof. Guido D’Agostino – Docente Università Federico II di Napoli

Dr. Ferdinando Imposimato - Presidente Onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione

Dr. Roberto Ormanni – Giornalista

Sarà presente l’autore.

Per l’Ufficio Stampa Autilia Napolitano

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.