Home > Sport > Campionato di serie A: Higuain illude, Calaio’ punisce

Campionato di serie A: Higuain illude, Calaio’ punisce

mercoledì 26 febbraio 2014, di Fabio Morrone

Nel monday night il Napoli non va oltre l’1-1 con il Genoa di Gasperini; risultato figlio di una partita ben giocata dal Genoa che ha ribattuto colpo su colpo agli attacchi azzurri (scesi in campo per l’ennesima volta con la maglia gialla portafortuna) fino a trovare il gol, splendido, dell’ex Emanuele Calaiò.
Spettatori presenti circa 45000, ricordiamo che le due tifoserie sono gemellate.

Formazioni:
Napoli (4-2-3-1): Reina; Reveillere, Fernandez, Albiol, Ghoulam; Behrami, Jorginho; Callejon, Hamsik, Mertens; Higuain. A disp: Contini, Colombo, Henrique, Britos, Maggio, Inler, Dzemaili, Radosevic, Insigne, Pandev, Zapata. All. Benitez
Genoa (3-4-3): Perin; Motta, Burdisso, De Maio; Antonini, Matuzalem, Bertolacci, Antonelli; Konate, Gilardino, Sculli. A disp: Bizzarri, Albertoni, Kofie, Marchese, Calaiò, Feftatzidis, Centurion, De Ceglie, Suraro, Dapral, Portanova. All. Gasperini

Cronaca della partita:
Nonostante l’impegno di Europa League di giovedì, Rafa Benitez manda in campo la formazione migliore; al centro della difesa rientrano Albiol e Fernandez, mentre a centrocampo, dopo il lungo infortunio, ritrova una maglia da titolare lo svizzero Behrami.

Al 4’ Higuain si libera bene dell’avversario, ma la sua conclusione non è precisa e termina fuori. All’8’ Mertens riscalda i guanti di Perin con un bel tiro a giro dal limite dell’area di rigore rossoblù. Al 12’ è ancora il belga a provarci, sempre da fuori area, sfera che termina alta sulla traversa. La buona partenza degli azzurri viene premiata al 18’: Hamsik vede il taglio di Higuain che sull’uscita di Perin mette in rete con un tocco sotto di sinistro. Napoli in vantaggio.

Al 19’ il Genoa ha una buona chance con De Maio che colpisce di testa su punizione dell’ex Matuzalem, palla alta di poco. Sull’altro fronte, Higuain fa partire un tiro molto potente che però si spegne sul fondo alla destra di Perin. Genoa vicinissimo al pareggio: Antonelli riceve palla sulla sinistra e crossa all’interno dell’area di rigore azzurra, Konate, tutto solo, colpisce di testa troppo centralmente (a pochi passi dalla porta) e Reina riesce a deviare in angolo; occasione sprecata. Al 40’ Mertens pecca di egoismo e tira in porta, nessun problema per il portiere avversario. E’ l’ultima azione del primo tempo.

La ripresa si riapre come si era conclusa la prima frazione di gioco, ossia con il Genoa pericoloso: contropiede dei grifoni con Konate che si libera molto bene dei difensori partenopei, ma calcia male e la sfera termina a lato. Al 61’ Jorginho entra nell’area di rigore rossoblù e mette una buona palla sul secondo palo dove l’accorrente Callejon si fa murare il tiro in angolo da Antonelli. Al 66’ Sculli, presentatosi tutto solo, anche se in posizione defilata, davanti a Reina, calcia fuori divorandosi il gol del pareggio.

A pochi minuti dal 90’, il Genoa trova il meritato pareggio grazie ad una magistrale punizione dell’ex Calaiò: l’attaccante fa partire un’iperbole che termina all’incrocio dei pali alla sinistra dell’incolpevole Reina.

Gli azzurri perdono una buona occasione per consolidare il terzo posto e portarsi a + 9 sulla Fiorentina che nel pomeriggio aveva pareggiato a Parma; il distacco tra le due squadre rimane invariato (+6) anche se la Roma, posizionata al secondo posto, si allontana ulteriormente dall’orizzonte partenopeo. Il Genoa ottiene, con merito, un pareggio su un campo difficilissimo e continua la sua scalata verso una salvezza tranquilla.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.