Home > Sport > Campionato di serie A, il Chievo fa tremare il San Paolo

Campionato di serie A, il Chievo fa tremare il San Paolo

domenica 26 gennaio 2014, di Fabio Morrone

In un pomeriggio molto freddo, causa tramontana, un Napoli impacciato e sornione non riesce ad andare oltre l’1-1 nell’anticipo di campionato contro il Chievo. La squadra di Rafa Benitez ha rischiato seriamente di perdere per la seconda volta in questo campionato davanti al proprio pubblico che, a fine gara ha dimostrato il suo disappunto fischiando i propri beniamini rei di non aver fornito una prestazione all’altezza delle aspettative.

Negli azzurri si rivede finalmente in campo, dal primo minuto di gioco, Marek Hamsik, mentre per Jorginho c’è solo la panchina (il brasiliano entrerà nel secondo tempo).
Il Chievo di Eugenio Corini è bene messo in campo e ha impostato la sua partita in difesa del gol di Sardo giunto al 18’ di gioco.

Formazioni:
Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Britos; Reveillere; Inler, Dzemaili; Callejon, Hamsik, Mertens; Higuain. All.: Benitez
Chievo (5-3-2): Puggioni; Sardo, Frey, Dainelli, Cesar, Dramè; Bentivoglio, Rigoni, Hetemaj; Paloschi, Thereau. All.: Corini

Cronaca della partita:
Nei primi minuti di gioco si vede un buon Napoli, spigliato e che fa la partita; ma al 18’ sono gli ospiti a passare in vantaggio: Sardo riesce a trovare lo spazio giusto nel cuore della difesa partenopea, gran tiro verso il secondo palo e palla alle spalle di Rafael.

Al 25’ il Napoli va vicinissimo al pareggio; discesa dalla sinistra di Callejon, tiro troppo largo sul secondo palo, dove però è appostato il solo Higuain, ma incredibilmente l’argentino sbaglia divorandosi un gol da due passi calciando male, palla che termina fuori. Al 35’ Dzemaili serve in profondità Mertens, tiro del belga che colpisce il palo esterno. Prima del fischio della fine del primo tempo, c’è un’incursione di Dramè respinta da Rafael in calcio d’angolo.

Inizio della ripresa. Al 56’ fa il suo esordio al San Paolo il brasiliano Jorginho, a cedergli il posto è Dzemaili. Al 67’ punizione dal limite dell’area di rigore clivense per il Napoli (fallo di Dainelli); tiro di Mertens e palo pieno! Nell’occasione il portiere Puggioni non avrebbe potuto fare nulla. All’85’ ci prova anche Insigne (entrato al posto di Maggio), sfera che scheggia la traversa. Napoli sfortunato. E’ il preludio al gol, infatti, tre minuti più tardi gli azzurri riescono a pareggiare: cross nell’area gialloblù, dove Albiol è bravo nell’anticipare un avversario, proteggere la palla e tirare di destro in torsione. Pareggio meritato. In pieno recupero viene espulso il tecnico veronese per proteste.

Secondo pareggio consecutivo in campionato per il Napoli che, in attesa della partita della Roma, rischia di perdere ulteriore terreno tenendo conto anche delle inseguitrici (Fiorentina su tutte).
Per il Chievo arriva un punto d’oro, è vero che ne potevano essere anche tre, all’86’ il Chievo conduceva ancora per 1-0; Corini ci sperava, ma alla fine è arrivata la beffa, che premia lo sforzo profuso dai partenopei nel secondo tempo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.