Home > Cronaca > Cercola. Sfratto esecutivo, anziano si incatena e minaccia di darsi fuoco (...)

Cercola. Sfratto esecutivo, anziano si incatena e minaccia di darsi fuoco davanti al Comune

lunedì 21 ottobre 2013, di Patrizia Panico

CERCOLA. Questa mattina è uscito di casa si è diretto in piazza, poi bloccando il traffico delle auto sul corso Riccardi, proprio davanti al Municipio, si è inginocchiato per strada minacciando di darsi fuoco con dell’alcol etilico che aveva portato con sé. Pasquale Vitale, 63 anni di Cercola, si è incatenato, si dice "disperato": tra due giorni lui e la sua famiglia saranno sfrattati. “Questa è la mia ultima possibilità – dice – faccio un appello a questa amministrazione comunale perché possa in qualche modo aiutarmi: io e la mia famiglia abbiamo bisogno di una casa, tra due giorni saremo tutti buttati per strada”.

Pasquale ha raccontato di lavorare per 5 euro all’ora, lavora saltuariamente per una ditta di pulizie a Cercola, anche la moglie si arrangia allo stesso modo facendo piccoli lavori di pulizie per conto di una ditta locale. “Quando va bene porto a casa 250 euro al mese – dice Pasquale – mia moglie anche meno. Il posto in cui viviamo – prosegue – è un buco ma almeno ha un tetto e con noi c’è anche mio nipote di soli sette anni”. Con Pasquale vive anche la figlia 24enne e il suo bambino.

Il primo cittadino Vincenzo Fiengo è sceso per strada ed è andato personalmente a parlare con Pasquale per ascoltare le sue richieste. Subito dopo il sindaco con alcuni esponenti della Giunta e il comandante della locale tenenza dei carabinieri, Gaetano Vrola, si sono riuniti in Comune per valutare, anche attraverso i Servizi sociali, le eventuali opportunità per aiutare la famiglia disagiata. Una situazione drammatica e di non facile soluzione. "Valuteremo ogni possibilità - dice il vicesindaco Luigi Di Dato - anche se al momento non vi sono immobili comunali disponibili".

Sul posto sono intervenuti i soccorsi del personale del 118, la polizia municipale e i militari dell’arma. Pasquale si è detto “disperato”, solo dopo diverse ore l’anziano ha consegnato al tenente Gaetano Vrola la bottiglietta contente l’alcol allontanandosi anche dalla strada.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.