Home > Attualità > Cisl e Cigl Comune di Portici: stato di agitazione dei lavoratori

Cisl e Cigl Comune di Portici: stato di agitazione dei lavoratori

sabato 18 gennaio 2014, di Patrizia Panico

PORTICI. “Siamo sconcertati dalla situazione che si è venuta a creare nel Comune di Portici. In un incontro tenutosi il giorno 14 gennaio u.s. con l’Assessore al Personale, è stato comunicato che non saranno erogate le quote di produttività dell’anno 2013 per i dipendenti dell’Ente”.- dichiarano il Segretario aziendale D’Esposito della Cisl Fp e il Segretario territoriale Nacar della Fp Cgil del Comune di Portici.

“A quanto dichiarato dall’Assessore mancherebbero gli atti a firma dei Dirigenti per il pagamento delle spettanze. Al di là del nostro disappunto e contrarietà sulle modalità con le quali il Comune di Portici gestisce le relazioni sindacali, con particolare riferimento alla gestione del salario accessorio, più grave-il Sindaco non ha mai risposto alle richieste delle scriventi sigle- è nei confronti dei dipendenti che quotidianamente svolgono il proprio lavoro con senso del dovere e responsabilità e che però non si vedono riconosciuto il giusto merito” Proseguono le sigle sindacali Cgil e Cisl.

Non vorremmo che tale situazione creasse tensioni tra Amministrazione, Dirigenza e Lavoratori, per evitare preoccupazioni e malumori sul posto di lavoro che potrebbero ripercuotersi sia sull’organizzazione e gestione del lavoro sia sul personale, che anche come cittadini già sopportano il peso della pressione fiscale ed il blocco economico degli stipendi imposti dall’attuale crisi economica che vive il paese.“
“La Cgil e la Cisl del Comune di Portici continueranno, come da sempre, a sostenere le iniziative dirette al riconoscimento, alla tutela ed alla valorizzazione dei lavoratori, al rispetto dell’applicazione dei contratti di lavoro, alla tutela dei servizi dei cittadini .

Chiediamo che vengano rispettati gli accordi affinché ancora una volta non siano i lavoratori a pagare e un incontro, “con l’urgenza che il caso richiede”, sperando che questa volta ci sia almeno una risposta, per fare il punto sulla situazione e risolvere in tempi brevi il disagio per i lavoratori .
A tal proposito è stata convocata un’assemblea del personale per il giorno 21.01.2014 per la proclamazione dello stato di agitazione e le azioni da mettere in campo conseguenti allo stesso. “ Concludono i sindacalisti

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.