Home > Appuntamenti > Concorso letterario “Ave o Vergine Maria”. Domani sera la premiazione.

Concorso letterario “Ave o Vergine Maria”. Domani sera la premiazione.

sabato 14 settembre 2013, di La redazione

OTTAVIANO. La città di Ottaviano per la prima volta diventa la culla di un’iniziativa che permette di poter esporre, attraverso la poesia, testimonianze, esperienze e sentimenti di vita cristiana. L’ispirazione è Maria: nasce cosi il primo concorso letterario intitolato: “Ave, o Vergine Maria”.

Il concorso ha visto la partecipazione di centinaia di poeti e scrittori provenienti da ogni parte d’Italia che attraverso il cuore, la scrittura e un foglio bianco hanno dato vita a poesie e storie valutate da una giuria composta da personaggi del mondo giornalistico e letterario-filosofico. Il promotore di tale evento è il Priore dell’Ordine Secolare dei Servi di Maria, conosciuto anche come “Terz’Ordine Servitano”, Mario Guardato.

Questo incontro tra fede e cultura troverà il suo palcoscenico in una manifestazione fissata per domenica 15 Settembre alle 21,30 presso il salone “Regina Margherita” in via Genio Militare, ad Ottaviano, quando ci sarà la premiazione presentata da Gino Aprile.

La giuria è composta dal presidente nonché ambasciatrice della poesia italiana nel mondo, Tina Piccolo; dallo scrittore e poeta Vincenzo Russo; dal giornalista Francesco Gravetti; dalla presidente dell’Archeo Ottaviano Liliana Borriello Summo; dalla tesoriera dell’Archeo Ottaviano Anna Fiorella Saviano; dal rappresentante dell’Ordine Secolare dei Servi di Maria Maria Rosaria Iervolino; dal parroco della Comunità Parrocchiale San Lorenzo – San Giovanni padre Savino Simone. Presiederanno all’evento il primo cittadino di Ottaviano Luca Capasso e l’assessore della cultura Marilina Perna.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.