Home > Sport > Coppa Italia, Napoli: Benitez manda in campo la formazione migliore

Coppa Italia, Napoli: Benitez manda in campo la formazione migliore

mercoledì 29 gennaio 2014, di Fabio Morrone

Questa sera, alle ore 20.45, lo stadio San Paolo ospiterà l’ultimo quarto di Coppa Italia che vedrà Napoli e Lazio contendersi il passaggio alla semifinale della competizione nazionale.

Negli azzurri si registra il ritorno tra i pali del portiere Reina; dopo un turno di riposo, in difesa, riprenderà il suo posto l’argentino Fernandez, mentre sull’out mancino dovrebbe essere confermato Reveillere (che dà maggiori garanzie difensive) al posto di Armero. A centrocampo Jorginho farà il suo esordio con la maglia azzurra dall’inizio al fianco di Inler; infine, in attacco Hamsik, che ha bisogno di ritrovare il ritmo partita, agirà alle spalle di Higuain, sulle fasce spazio a Callejon e Insigne.

Nella Lazio, il tecnico Reja dovrà fare a meno di alcune pedine fondamentali del calibro di Klose e Biava, mentre Candreva (appena recuperato da un infortunio) e Hernanes (con un problema a un adduttore) non al meglio, siederanno in panchina. Il modulo dovrebbe essere sempre il 3-4-2-1: in porta giocherà Berisha al posto di Marchetti; Novaretti guiderà la difesa al posto di Biava, il terzetto d’attacco sarà composto dai giovani Felipe Anderson, Keita e Perea.

Napoli (4-2-3-1): Reina; Maggio, Fernandez, Albiol, Reveillere; Jorginho, Inler; Callejon, Hamsik, Insigne; Higuain. A disposizione: Rafael, Colombo, Cannavaro, Britos, Uvini, Dzemaili, Radosevic, Pandev, Callejo, Zapata. All.: Benitez
Lazio (3-4-2-1): Berisha; Ciani, Novaretti, Dias; Konko, Onazi, Ledesma, Lulic; Felipe Anderson, Keita; Perea. Marchetti, Biava, Cana, Vinicius, Pereirinha, Cavanda, Gonzalez, Biglia, Candreva, Hernanes. All.: Reja
Arbitro: Banti

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.