Home > Sport > DHS Napoli C5: partnership con L’Ancora C5. Ciclo di incontri tra i settori (...)

DHS Napoli C5: partnership con L’Ancora C5. Ciclo di incontri tra i settori giovanili dei club sull’asse Napoli-Amalfi

venerdì 10 gennaio 2014, di La redazione

Napoli-Amalfi. E’ questa la direttrice della nuova partnership sportiva targata DHS Napoli C5. Il sodalizio azzurro, infatti, ha stretto un importante accordo di collaborazione con L’Ancora C5: società che nasce con l’obiettivo di promuovere il futsal nel territorio della Costiera Amalfitana, da sempre uno dei centri propulsivi del movimento calcettistico campano.

L’accordo prevede una serie di incontri tra il settore giovanile napoletano e quello costiero, per permettere ai ragazzi delle formazioni Allievi, Giovanissimi, Esordienti e Juniores (con l’aggiunta dell’under 21 napoletana) di confrontarsi sul campo nel rispetto dei valori dello sport, facendo tesoro dei preziosi insegnamenti dei tecnici di entrambi i club.

“E’ l’ennesima iniziativa che la nostra società vuole mettere in atto per promuovere i valori dello sport – spiega il dg della DHS Napoli C5 Stefano Salviati – e siamo felici di aver trovato persone che la pensano come noi. Mi riferisco a Peppe Camera e Mimmo Lagrotta, che sono stati tra i pionieri del futsal nella Costiera Amalfitana e da anni coinvolgono tanti ragazzi nei loro progetti, guidati dalla passione e dalla volontà di insegnare la vita, prima dello sport. Come società capofila del futsal campano, in special modo per quanto riguarda il settore giovanile, siamo orgogliosi di poter dare il nostro contributo per lo sviluppo della disciplina anche fuori dal territorio napoletano”.

Gli fanno eco le parole di Giuseppe Camera, tra i promotori del progetto L’Ancora C5. “E’ un onore poter collaborare con la DHS Napoli C5, che rappresenta la più alta espressione del calcio a 5 nella nostra regione – questo il commento di Camera – i nostri ragazzi e quelli del Napoli potranno trarre un enorme giovamento da questo ciclo di incontri e sarà un piacere accoglierli in Costiera. Da noi far progetti è molto difficile, a causa delle difficoltà logistiche e strutturali che costringono tutti ad enormi sacrifici per la pratica sportiva. Ma questo non ci ha mai condizionato, perché crediamo che nei valori che lo sport riesce ad insegnare e trasmettere. Proprio come i nostri amici di Napoli, con cui siamo da sempre in sintonia e ai quali, da oggi, ci lega un progetto di grande valore sociale”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.