Home > Appuntamenti > Emiliana Esposito coreografa “……Sorè, Mamma è ‘ll’Arco” sulle musiche di (...)

Emiliana Esposito coreografa “……Sorè, Mamma è ‘ll’Arco” sulle musiche di Buonocore

lunedì 16 settembre 2013, di Lisa Terranova

Un successo il musical “Sorè, Mamma è ‘ll’Arco” che è stato rappresentato nello spazio antistante alla chiesa nuova del Santuario di Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia, contando numerosissime presenze tra cui il primo cittadino Carmine Esposito. Il musical ha avuto la regia e la stesura di Luigi De Simone che con bravura ha reso lo spettacolo ricco di emozioni ma soprattutto ricco di storia nostrana. Le musiche, piacevoli opere popolari, sono venute alla luce dall’estro dell’artista anastasiano Mikele Buonocore. In questo quadro pittoresco la brava ballerina Emiliana Esposito ha arricchito la rappresentazione con coreografie affascinanti rendendo l’opera ancora più suggestiva e magica. Insieme a lei come sempre le sue colonne portanti, i bravissimi e giovani ballerini Marika Maiorino, Maria Perna, Maria Terracciano, Felice Leone e Maddalena Barbato. Molto bravi anche gli attori Esposito Pasqualino, Assia Manfellotto, Giuseppe Manfellotto, Pasquale Beneduce, Francesco De Rosa, Anna Cosentino, Bernadette Maione, Antonietta De Simone, Filippo Fragliasso, Federica De Linardis, Alessia Manfellotto e Giuseppe Scarpato che hanno interpretato popolani del seicento alternandosi tra canzoni, recitazioni e balli. Una lacrima ha rigato il volto di numerosi spettatori quando alla fine dello spettacolo, nell’ultima canzone, un gruppo di fujenti si è avvicinato al palco correndo come è da loro tradizione, innalzando lo stendardo della Madonna dell’Arco, prova tangibile che la tradizione mariana fusa ormai da c.ca quattro secoli tra sacro e profano, riesce ancora a risiedere nei cuori dei suoi devoti.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.