Home > Attualità > Comunicati Stampa > Esercito. Cambio al vertice del comando Infrastrutture sud

Esercito. Cambio al vertice del comando Infrastrutture sud

mercoledì 2 ottobre 2013, di Comunicato Stampa

Giovedì 3 ottobre alle ore 11.00, nella sala Polifunzionale della Caserma “Minucci”, sede del Comando Infrastrutture Sud, al Corso Malta 91, avrà luogo la cerimonia di avvicendamento tra il Colonnello Costantino Iacono (cedente), che ricoprirà l’incarico di Capo Ufficio Logistico, Infrastrutture e Servitù Militari presso il Comando Regione Militare Sud in Palermo, e il Colonnello Luca Leonetti (nella foto) (subentrante), già Comandante dell’8° Reparto Infrastrutture di Roma.
Nel corso della cerimonia militare, che si svolgerà alla presenza del Vice Ispettore delle Infrastrutture, Generale di Divisione Antonio Caporotundo, e di Autorità Civili, Militari della città di Napoli e della Regione Campania, con la lettura della formula di rito, si scandirà il “passaggio del testimone” tra i due Comandanti d’Area.
Il Comando Infrastrutture Sud, all’epoca Comando Genio, è stato costituito nell’anno 1877, nell’ambito dell’allora Comando di Corpo d’Armata di Napoli ed ha seguito le sorti del predetto Alto Comando periferico sino alla data del 29 aprile 2001.
Alla data del 30 aprile 2001, riconfigurato in “Comando Genio Sud” e acquisita autonomia amministrativa, è stato posto alle dipendenze dell’Ispettorato delle Infrastrutture dell’Esercito e, successivamente, ha assunto la denominazione attuale di “Comando Infrastrutture sud”.
Ha alle dipendenze i Reparti Infrastrutture dislocati nelle città di Napoli, Bari e Palermo, e giurisdizione su tutte le attività di B.C.M. (Bonifica dei Campi Minati) sul territorio dell’Italia centro-meridionale, Isole comprese.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.