Home > Attualità > Comunicati Stampa > Giugliano. Costruiscono abusivamente su terreno della Regione,

Giugliano. Costruiscono abusivamente su terreno della Regione,

Poi fittano gli appartamenti e, senza titolo, attivano procedure di sfratto.

mercoledì 23 ottobre 2013

Paradossale situazione nel Comune di Giugliano dove, in località Varcaturo via Domiziana 15, sussistono sette villini realizzati abusivamente sul terreno patrimoniale della Regione ed i "titolari" di tali appartamenti avviano procedure di sfratto, senza averne il titolo per farlo, nei confronti di agenti della polizia di Stato che avevano fittato tali appartamenti ignari della reale situazione.

A denunciare l’assurdo episodio che vedrebbe coinvolti anche dirigenti della Regione, i quali avrebbero invitato verbalmente gli agenti della Polizia di Stato a non pagare, sono i VerdiVincenzo Peretti, Carmine Attanasio e Teresa Caiazzo che chiedono l’intervento della magistratura per fare luce sull’intrigata vicenda.

A questo punto sorge il dubbio, dicono i tre esponenti Verdi, che tali situazioni non siano isolate e che in quella zona ce ne possano essere tante altre considerato che la stessa Regione si sarebbe accorta della vicenda solo dopo vent’anni, quando qualche inquilino chiedeva i titoli ai presunti proprietari per fare un mutuo e acquistare la casa ricevendo in risposta dagli stessi una frase che la dice tutta sulle presunte connivenze tra Stato e popolo del malaffare: "qui non ci sono titoli basta solo una stretta di mano".

A riferire la vicenda ai rappresentanti Verdi è stato l’agente della Polizia di Stato Francesco Ariante che da due anni cerca di portare la vicenda all’attenzione dell’opinione pubblica senza riuscirci.

Per contatti, informazioni e documentazione contattare Francesco Ariante

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.