Home > Cronaca > Incidente mortale di Caivano: identificato e arrestato il pirata della (...)

Incidente mortale di Caivano: identificato e arrestato il pirata della strada

martedì 15 ottobre 2013, di La redazione

CAIVANO. Nella giornata di ieri dopo 4 giorni di intesa attività investigativa, gli uomini della Polizia Stradale di Napoli - Distaccamento di Nola, diretti dal Primo Dirigente Dr. Maurizio Casamassima e coordinati dall’Ispettore Superiore Sabato Arvonio sono giunti all’identificazione dell’autore dell’investimento mortale verificatosi il 10 ottobre scorso, all’interno della Zona Industriale di Caivano, in cui perdeva la vita un 51enne residente a Caivano.

Nella fattispecie, nelle prime ore di giovedì scorso un autoarticolato adibito al trasporto di azoto liquido, investiva mortalmente Silletti Stefano, di anni 51, residente in Caivano, lavoratore dipendente della ditta Magneti Marelli che, verosimilmente, stava raggiungendo il posto di lavoro a piedi . Sul posto, già dai primi rilievi non si escludeva l’ipotesi che la vittima fosse stata dapprima investita da un’autovettura pirata, datasi poi alla fuga, e che nell’impatto il corpo fosse stato scaraventato violentemente sotto le ruote dell’autoarticolato in fase di manovra.

Alle ore 10,30 odierne si svolgerà presso la Sezione Polizia Stradale di Napoli sita in Via Gussone 1, una conferenza stampa dove saranno illustrati i dettagli della particolare e laboriosa attività investigativa che ha portato all’identificazione ed al successivo arresto dell’autore dell’ennesimo atto di pirateria stradale, e al rinvenimento dell’autovettura investitrice, occultata all’interno di un box ancora vistosamente danneggiata ed in attesa di un intervento di riparazione che ne avrebbe definitivamente impedito l’individuazione.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.