Home > Cultura > La Desensibilizzazione Sistematica, l’Immagery e la Metafora, approccio (...)

La Desensibilizzazione Sistematica, l’Immagery e la Metafora, approccio integrato per il trattamento dell’ansia e dell’attacco di panico

martedì 19 novembre 2013, di Mauro Romano

Molte approcci psicoterapeutici, diversi tra loro, sono attualmente utilizzati per curare l’ansia e l’attacco di panico.

Ovviamente ogni tecnica approfondisce alcuni aspetti ma ne trascura altri. Per tale ragione un approccio integrato che nasce dall’interazione di diversi orientamenti offre sicuramente dei risultati superiori ai singoli interventi presi singolarmente.

Da una ricerca personale sulle tecniche di rilassamento, l’ipnosi-terapia, le tecniche di immagery e la metafora, nasce un nuovo approccio che ha alla base proprio l’integrazione tra le diverse strategie terapeutiche. La prima tecnica utilizzata in questo metodo si basa sui principi della D.S., Desensibilizzazione Sistematica.

Questo approccio terapeutico ha lo scopo di desensibilizzare l’ansia riducendola notevolmente attraverso l’utilizzo delle tecniche di rilassamento. In sintesi si basa sulla presenza contemporanea sia dello stimolo ansiogeno, immaginario o reale, sia del rilassamento indotto attraverso un metodo specifico. Ciò determina una diminuzione dell’ansia fino alla sua totale estinzione.

Con questo metodo si può affrontare, ogni giorno, una situazione che provoca ansia. Ad ogni esposizione il livello d’ansia provato si ridurrà fino alla completa estinzione. Questa tecnica comporta la preparazione di una serie di gerarchie di scene ansiogene che variano nella loro capacità di provocare ansia.

Poi, ogni situazione ansiogena viene desensibilizzata, in modo sistematico, partendo da quella che provoca ansia minore fino a quella con il massimo livello di ansia. A questa tecnica, già molto potente, nel mio modello integrato, viene associata una specifica e personalizzata tecnica di immagery.

Questa seconda tecnica viene elaborata e personalizzata mettendo al centro il vissuto cognitivo, emotivo e comportamentale del paziente. Ovviamente associando la tecnica dell’immagery la sua potenza aumenta notevolmente.

Ma se a queste due tecniche già in sinergia tra loro aggiungiamo la metafora del “Prendere e Lasciare”, l’effetto diventa sorprendente. Quest’ultima strategia permette di comunicare alla parte analogica e inconscia della mente del paziente proprio perché le reazioni ansiogene nascono senza una vera e propria consapevolezza interiore.

Questo nuovo modello integrato ha un valore terapeutico superiore perché riduce i tempi di guarigione, e soprattutto permette di raggiungere prima un senso di benessere. Durante la somministrazione delle tecniche, integrate tra loro, avvengono da parte del terapeuta, ovviamente, delle induzioni cinestesiche.

Questo metodo di trattamento integrato è stato applicato con successo su un numero considerevole di pazienti sia affetti solo da ansia sia affetti anche dal disturbo di attacco di panico. La riduzione del livello soggettivo di ansia determina anche una diminuzione di tutti i sintomi che possono essere presenti.

Questo nuovo trattamento psicoterapeutico si sta rivelando molto efficace perché mostra risultati sorprendenti anche dalla prima seduta.

Dott. Salvatore Allocca - Psicologo Clinico - Specializzato in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale - Counsellor - Esperto in tecniche di rilassamento –Training Autogeno, VIC (Vissuto Immaginativo Catatimico), Immagery e Ipnosi-terapia - Mail: dr.allocca@libero.it

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.