Home > Musica > La Piano Battle di Paul Cibis vs Andreas Kern chiude la kermesse dedicata (...)

La Piano Battle di Paul Cibis vs Andreas Kern chiude la kermesse dedicata al pianoforte.

lunedì 7 ottobre 2013, di Tiziana Cennamo e Maddalena Nardaggio

NAPOLI. Si è conclusa ieri la tre giorni dedicata al pianoforte: il Piano City Napoli 2013.
L’"evento-happening", nato da un’ idea del pianista berlinese Andreas Kern, contribuisce a divulgare la conoscenza e la passione per la musica e nel caso specifico per il pianoforte, attraverso un progetto innovativo e dinamico.

Anche Napoli è stata pacificamente invasa dai pianoforti, con concerti ed eventi sia nei luoghi storici che nei salotti delle case napoletane creando così un coinvolgimento forte tale da entusiasmare il pubblico partecipante.

Sede principale è stato il complesso di San Domenico Maggiore ed è qui che si è consumato l’epilogo attraverso una grande sfida non tra due grandi pianisti, ma tra due grandi talenti : Andreas Kern e Paul Cibis, il bianco e il nero, il moderno e il classico.

Una sfida intesa non in maniera classica, suonando solo il piano, ma animando la battaglia ora con interventi del pubblico, ora con colpi di mano e di piedi sul piano e sotto il piano, ma soprattutto a suon di note i cui tasti sembravan spegnersi lentamente come il fumo dopo un soffio di candela. I due artisti, a turno, hanno eseguito brani di compositori come Chopin, Liszt e Debussy ognuno con il proprio stile e hanno improvvisato brani richiesti dal pubblico. Un pubblico questa volta, non solo spettatore e ascoltatore, ma anche giudice, chiamato a votare il migliore tra i due duellanti.

Entusiasmante ed emozionante allo stesso tempo, la battaglia non poteva che rivelarsi il perfetto epilogo di una bellissima iniziativa che meriterebbe successive edizioni.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.