Home > Attualità > Comunicati Stampa > Lavori statale 268. Casillo, Pd: Non è più consentito perdere (...)

Lavori statale 268. Casillo, Pd: Non è più consentito perdere tempo

giovedì 17 ottobre 2013, di Comunicato Stampa

NAPOLI. «In mattinata ho incontrato il direttore compartimentale dell’Anas, l’ingegner Eugenio Stefano Gebbia, per acquisire utili informazioni sullo stato di avanzamento di alcuni lavori che avranno, si spera in breve tempo, una notevole ricaduta sullo viabilità in provincia di Napoli: la galleria di Seiano, sulla Statale sorrentina, e il raddoppio della Statale 268 del Vesuvio».
Lo dice in una nota Mario Casillo, consigliere regionale del PD e segretario della commissione consiliare Urbanistica e Trasporti.

«Ho sentito il dovere istituzionale di incontrare l’ingegner Gebbia sia per portare il saluto della commissione, priva peraltro da tempo del presidente, sia per monitorare la situazione di due opere i cui ritardi cominciano a essere insostenibili. L’ingegner Gebbia, che ringrazio per l’ospitalità, mi ha prospettato un crono-programma di secondo il quale la conclusione dei lavori per l’ultimazione della galleria di Seiano saranno conclusi entro sei mesi. A quel punto, dopo la fase di collaudo, il tunnel sarà finalmente aperto al traffico della costiera. Il problema vero - prosegue Casillo – è l’intervento di raddoppio della 268.

La società che ha vinto l’appalto è purtroppo in liquidazione e fino a quando il ministero non risolverà la vertenza i lavori non potranno ripartire. Ricordo che siamo di fronte a due opere di importanza strategica per i collegamenti nell’area metropolitana di Napoli. Da membro della commissione consiliare continuerò a seguire la vicenda da vicino, ma nel contempo esorto l’assessore regionale Edoardo Cosenza a fare altrettanto perché non è più consentito perdere tempo».

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.