Home > Attualità > Lavoro, Strazzullo (UilTucs): Basta ricatti morali. Sulla questione (...)

Lavoro, Strazzullo (UilTucs): Basta ricatti morali. Sulla questione McDonald’s serve l’intervento della casa madre

domenica 23 febbraio 2014, di La redazione

NAPOLI. “Abbiamo seguito con attenzione la vicenda dei lavoratori dei McDonald’s facenti capo alla Napoli Futura srl. Avevamo più volte invocato l’intervento della Regione Campania e la risposta dell’Assessore Nappi è stata concreta e decisa”. Queste le parole di Rino Strazzullo, segretario generale della Uiltucs, dopo la lettera dell’assessore Severino Nappi che di suo pugno ha scritto ai vertici del colosso internazionale del fast food.

“Dal primo momento abbiamo parlato di ricatto morale per poter lavorare e di richieste spesso troppo alte da parte dell’azienda pur di mantenere i posti di lavoro. Noi ora – continua Strazzullo – chiediamo con forza che non solo vengano rispettati i diritti dei lavoratori, ma che la casa madre intervenga nella vicenda prendendo una posizione chiara.

Questa vicenda deve farci pensare perché, in questi ultimi mesi, di situazioni come questa ce ne sono state tante, troppe. In molti casi il ricatto morale verso i lavoratori, che percepiscono stipendi da fame, e sono costretti a turni estenuanti, è diventato consuetudine. Le aziende spesso rivendicano il rilancio dell’economia non solo nella nostra regione ma in generale in tutta Italia, ma in molti casi bisogna comprendere che abbassando i salari non si riuscirà mai a ripartire, mai a dare rilancio alla nostra economia.

Auspichiamo – conclude Strazzullo – che la vicenda di McDonald’s abbia un finale lieto e che non ci siano ulteriori ricatti morali dove per lavorare bisognerà sottostare a richieste spesso assurde”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.