Home > Appuntamenti > Lumina in Castro 2013 per rivivere il Rinascimento al Castello Lancellotti (...)

Lumina in Castro 2013 per rivivere il Rinascimento al Castello Lancellotti di Lauro (Av)

L’appuntamento è per venerdì 30 agosto, alle ore 19.00, con la partenza del corteo storico da piazza Marco Biagi. Alle 20.30 vi sarà l’apertura del Castello Lancellotti.

mercoledì 28 agosto 2013, di La redazione

Ritornare al Rinascimento per conoscere la dominazione della famiglia Pignatelli sulle terre di Lauro, evidenziando le gesta e la storia della nobile famiglia che ha guidato il Castello Lancellotti di Lauro a partire dall’anno 1533. Torna “Lumina in Castro”: venerdì 30 agosto 2013, alle 19, il corteo storico che partirà da Piazza Marco Biagi.

A partire dalle 20.30 la rappresentazione itinerante “Alla Corte dei Pignatelli” con la partecipazione della Eterea Danze Storiche, dei Tamburini Castel Lauri, degli arcieri e schermidori di Vairano Patenora. Sabato 31 agosto 2013, invece, a partire dalle 20.30, nuovamente la rappresentazione itinerante “Alla Corte dei Pignatelli” con il “Nuncius Lumina in Castro”. Praticamente lo stesso programma anche per domenica 1 settembre. Per tre giorni la meravigliosa cornice del Castello Lancellotti si colorerà di vita e di magia, tornando ai fasti dei secoli che furono.

Attraversare le sale del Castello Lancellotti di Lauro, passare tra le scuderie, le lavanderie, visitare gli splendidi giardini inferiori, le antiche cucine, la sala d’armi, il salotto rosso, il terrazzo panoramico, percorrere la sala da pranzo, il corridoio della fortuna, oltrepassare i giardini superiori, la biblioteca, il chiostrino, varcare l’ingresso della cappella e della sagrestia, una delle sale più belle dell’antico maniero. Rivivere le storie e le vite di Ascanio e Camillo Pignatelli, gli Scipioni, Vittoria della Tolfa e Isabella Caracciolo, e di tutti gli artisti che con essi ebbero rapporti: da Torquato Tasso a Giovan Battista Marino, fino a Tommaso Costo. Incontrare popolani chiassosi e irriverenti, cortigiani raffinati, ballerine aggraziate, musici e cantori del Rinascimento.

Da venerdì a domenica sarà possibile tutto questo, per l’ottava edizione di “Lumina in Castro”, a cura dell’associazione culturale Pro Lauro. La direzione artistica, la sceneggiatura, la regia e il coordinamento artistico della manifestazione sono de “Il Demiurgo srl”, società specializzata nell’organizzazione, realizzazione e promozione di eventi e spettacoli. Gli spettacoli saranno così articolati: verrà narrata la storia della famiglia Pignatelli, stirpe che tanto contribuì allo sviluppo culturale, artistico e urbanistico della Lauro rinascimentale e barocca.

Sarà possibile degustare pietanze accuratamente ponderate per soddisfare anche i palati più esigenti e adeguare ai gusti odierni sapori e ingredienti in voga nell’epoca barocca e rinascimentale, mentre nel primo cortile la genialità del jullarjocoso Marzio e l’energia della compagnia d’arme la rosa e la spada e degli arcieri di Varirano Patenora offriranno un tocco di originalità e goliardia al pubblico. A guidare i gruppi di visitatori saranno cittadini lauretani, per lo più molto giovani, le colonne sonore, gli arrangiamenti e le esecuzioni musicali saranno opera dei musici e tamburini Castel Lauri di Antonio Ferraro, mentre il corpo di ballo di “Eterea danze storiche” di Assunta Barra Parisi si esibirà in ambo i cortili.

L’appuntamento è, dunque, per venerdì 30 agosto, alle ore 19.00, con la partenza del corteo storico da piazza Marco Biagi. Alle 20.30 vi sarà l’apertura del Castello Lancellotti. Il prezzo di ingresso è di 5 euro. Il 31 agosto ed il 1 settembre, invece, l’appuntamento sarà direttamente al castello Lancellotti, alle ore 20.30. Per info ulteriori e prenotazioni: 327 45 74 630 - 338 46 19 891, luminaincastro@prolauro.it, www.prolauro.it

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.