Home > Politica > Massa. Approda sui banchi di scuola il "Made in China" sequestrato dalle (...)

Massa. Approda sui banchi di scuola il "Made in China" sequestrato dalle fiamme gialle

sabato 4 gennaio 2014, di Patrizia Panico

MASSA DI SOMMA. Da materiale sotto sequestro a materiale didattico: approda nelle scuole, nei laboratori e nelle case famiglia e indigenti del territorio, il materiale sequestrato dalla guardia di finanza all’interno del porto di Napoli, lo scorso anno.

Si tratta di diverso materiale hardware per computer e portatili: mouse, tastiere, lettori, web cam ma anche joystck e altro materiale per pc. E, non solo, anche ben 600 paia di scarpe (ovviamente non griffate o contraffatte). Il container contenente circa 50mila pezzi, proveniva dalla Cina ed era giunto oltreoceano per approdare direttamente nei negozi di Napoli e provincia favorendo così il commercio illegale su più fronti. Tutto saltato: il container “made in china” è stato intercettato dalle fiamme gialle doganali che, una volta aperto, hanno scoperto e sequestrato, su ordine della Procura di Napoli, tutto il materiale.

Il sequestro risale agli inizi dello scorso anno, e, terminato l’iter giudiziario e burocratico del materiale posto sotto sequestrato c’erano due strade: il macero o un secondo e “legale” riutilizzo. Così il primo cittadino del Comune di Massa di Somma, Antonio Zeno (tra l’altro un rappresentante delle fiamme gialle), non ha perso tempo ed ha pensato di fornire le scuole del territorio. “Semplice routine - esordisce Zeno - la guardia di finanza e la procura partenopea sequestrano diverso materiale del genere e le amministrazioni possono con una richiesta di dissequestro usufruire di parte di esso. Terminata la procedura - conclude il sindaco - sono stato lieto di fornire il materiale hardware alle scuole e distribuire le scarpe a chi ne ha più bisogno”.

Del materiale per computer non solo ne ha beneficiato l’Istituto comprensivo locale “Lombardo Radice” ma anche un istituto scolastico del Comune di Cercola. Anche le 600 paia di scarpe sono state donate tra la Caritas, le case-famiglia e le tante famiglie indigenti del territorio.

di Patrizia Panico da Il Mattino area sud-costiera

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.