Home > Speciali > Messa in sicurezza della Statale 268, a breve gli interventi decisi da (...)

Messa in sicurezza della Statale 268, a breve gli interventi decisi da Regione e Anas

sabato 1 febbraio 2014, di Gabriella Bellini

Tra poche settimane il piano che la Regione intende attuare per realizzare la messa in sicurezza della statale 268. E’ il dato più importante emerso ieri mattina nel corso dell’audizione che si è tenuta in Regione alla presenza di numerosi sindaci del vesuviano l’audizione in commissione Trasporti. “La Regione”, dichiara il consigliere regionale dell’Udc Carmine Mocerino presente alla riunione, “nel giro di poche settimane presenterà ai sindaci dei Comuni attraversati dalla Statale 268 le misure di sicurezza e gli interventi da porre in essere allo scopo di contrastare quanto più possibile il rischio incidenti lungo tale arteria”. Interventi che sono stati chiariti dall’assessore regionale Sergio Vetrella. “Ci ha illustrato quelli previsti a medio e lungo termine di concerto con l’Anas”, ha aggiunto Mocerino, “con l’obiettivo di provare a superare i problemi tecnici ed arrivare al tanto atteso raddoppio delle corsie. Su questa vicenda oggi sono stati fatti importanti progressi e l’attenzione resterà sempre alta per evitare che in futuro possano verificarsi ulteriori tragedie”. Soddisfatto del risultato anche il consigliere regionale Antonio Amato che, insieme con il collega del gruppo Pd Mario Casillo, e’ stato promotore dell’incontro. “L’audizione tenuta in IV Commissione ha dato un importante contributo per dare slancio agli interventi immediati per la messa in sicurezza della strada statale 268 del Vesuvio funestata da un’elevata percentuale di incidentalita’. Grazie al contributo dei sindaci, profondi conoscitori del territorio e delle sue problematiche, sono state messe a fuoco i principali interventi per la messa in sicurezza della strada e presto sarà definito il cronoprogramma per la loro realizzazione". E poi ha aggiunto: "nelle more della realizzazione degli interventi infrastrutturali, è indispensabile che si parta subito con i primi interventi possibili, come il miglioramento della segnaletica e gli autovelox, interventi per i quali l’assessore Vetrella ha dato rassicurazioni”. Presenti i sindaci di Terzigno, San Giuseppe Vesuviano, ed Ottaviano, oltre ad un delegato del commissario prefettizio di Sant’Anastasia. Assenti invece gli amministratori di Somma Vesuviana. A confermare le buone notizie che arrivano da Mocerino anche il primo cittadino ottavianese Luca Capasso: “L’assessore Vetrella ha dichiarato di aver stanziato diversi milioni di euro per la sicurezza della strada. Finalmente, forse anche grazie alla nostra tenacia, c’è un tavolo istituzionale che segue la vicenda. Sul tema non abbasseremo la guardia”. Presente anche l’ex consigliere del Pd di Sant’Anastasia, Raffaele Coccia: "Un incontro che anche io per il mio ruolo avevo più volte sollecitato, chiedendo interventi urgenti di messa in sicurezza sul tratto di statale che rientra nel territorio anastasiano e sulla possibilità di realizzare alcune infrastrutture per le quali io, con l’aiuto di alcuni amici, avevamo raccolto centinaia firme. Le opere in questione riguardano un passetto pedonale a ridosso del cavalcavia della statale su via Romani e della realizzazione di uno svincolo alternativo per Madonna dell’Arco, per le quali ho presentato alla commissione regionale una documentazione grafica delle opere, entrambe le richieste sono state recepite". Per il Comune di Somma Vesuviana invece non erano presenti gli amministratori comunali, impegnati in una seduta di giunta, ma un’agente della polizia municipale delegato. "L’unica cosa che chiediamo come Amministrazione è che si faccia presto", commenta il vicesindaco sommese, Salvatore Di Sarno, "per evitare il ripetersi di altre tragedie".

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.