Home > Attualità > Minacce a Nitto Palma, sen. D’Anna: “Testimonianza odio politico contro (...)

Minacce a Nitto Palma, sen. D’Anna: “Testimonianza odio politico contro centrodestra”.

mercoledì 4 settembre 2013, di Comunicato Stampa

NAPOLI. “Le vili minacce contro il senatore Francesco Nitto Palma, contenute in una lettera minatoria in cui lo si accusa di essere ‘servo di Berlusconi’ e per questo passibile di morte, sono la plastica testimonianza del clima d’odio che è stato alimentato, nel corso degli anni, nei confronti dei principali protagonisti della vita politica del centrodestra”.

Lo dichiara il senatore Vincenzo D’Anna (Pdl), presidente della commissione Politiche Ue dell’aula di Palazzo Madama, che poi così prosegue: “tutti conosciamo l’alta caratura, umana prima e politica poi, del senatore Nitto Palma, magistrato distintosi nella lotta alla criminalità, ministro di Giustizia della Repubblica italiana e presidente della commissione giustizia del Senato”.

L’Italia, sottolinea ancora D’Anna: “ha già vissuto sulla propria pelle l’esperienza eversiva del brigadismo rosso e di quello neo fascista, culminata con l’assassinio di giornalisti, sindacalisti ed uomini politici come Aldo Moro.

La violenza verbale e le aggressioni mediatiche nei confronti di Berlusconi e del centrodestra possono aver alimentato tali spinte eversive e non è dato sapere se dalle minacce qualche invasato passerà ai fatti concreti”.

“Allora come oggi - conclude il parlamentare del Pdl - gli uomini liberi e forti delle proprie idee non indietreggeranno e per quanto mi riguarda sono al fianco di Nitto Palma così come di chiunque altro, in questa Nazione, difenda i veri valori della libertà e della democrazia e si batta per una giustizia equa, serena e soprattutto non politicizzata”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.