Home > Attualità > Motoraduno Memorial "Vincenzo Liguori" III edizione. Ricordo di una vittima (...)

Motoraduno Memorial "Vincenzo Liguori" III edizione. Ricordo di una vittima della camorra.

giovedì 19 settembre 2013, di La redazione

POLLENA TROCCHIA. Per il terzo anno consecutivo l’associazione "Liberi pensieri" organizza il
memorial "Vincenzo Liguori". Un evento volto al ricordo di una vittima innocente della criminalità.

L’appuntamento è fissato per domenica 22 settembre presso l’area mercatale di via Esperanto a
Pollena Trocchia. Alle ore 8.30 l’apertura delle iscrizioni alla gara, la quale avrà poi il via alle ore
10 dallo stesso luogo.
Al termine del corteo ne seguirà un secondo, una gara di lentezza, dedicato alle sole moto d’epoca.

Vincenzo Liguori venne ucciso da un proiettile vagante a San Giorgio a Cremano il 13 gennaio del
2011 mentre era al lavoro nella sua officina.
Non solo un lavoro, ma una vera e propria passione, quella dei mezzi su due ruote per Vincenzo
Liguori.

"Per la nostra famiglia in questi tre anni, durante i quali il dolore per quanto accaduto non si è mai
neanche sopito, un momento come quello del motoraduno organizzato dagli amici di nostro padre e
da chi ha la stessa sua passione per i motori è il modo migliore per rinnovare il suo ricordo e per
ricordare a tutti, ancora una volta, per il terzo anno consecutivo, che siamo in attesa di giustizia e ci
aspettiamo un processo rapido e condanne esemplari: sia noi che l’intera comunità di Pollena
Trocchia. Ringraziamo - dichiarano i figli di Vincenzo Liguori - l’associazione Liberi Pensieri e il
Coordinamento Familiari Vittime innocenti della criminalità che in questi anni non ci hanno mai
lasciati soli".
Al motoraduno saranno presenti alcuni del "Coordinamento Familiari Vittime innocenti della criminalità.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.