Home > Politica > Napoli. Presentato il piano agricolo comunale di Brusciano

Napoli. Presentato il piano agricolo comunale di Brusciano

venerdì 21 febbraio 2014

Brusciano è ufficialmente il comune capofila del Piano Agricolo Comunale. Nel corso di una conferenza stampa ospitata dall’aula consiliare della Provincia, a piazza Santa Maria La Nova, il sindaco Giosy Romano ha delineato le linee guida di quello che sarà uno strumento fondamentale per il rilancio del territorio.

Nutrita la partecipazione di autorità e stampa oltre che di semplici cittadini affascinati da un nuovo modo di fare politica che sostituisce con i fatti le chiacchiere.

L’evento è stato organizzato dall’amministrazione di Brusciano, con il patrocinio della Provincia di Napoli e della Regione Campania.

Ad aprire la serie di saluti ci ha pensato il vice presidente della Provincia di Napoli Ciro Alfano. L’onorevole ha accolto con entusiasmo la notizia dell’iniziativa auspicando che presto si possa allargare a macchia d’olio anche negli altri comuni. Da quelli più vicini, coinvolti nel territorio della terra dei Fuochi a quelli che invece hanno maggiore vocazione agricola e turistica.

Anche l’assessore all’Agricoltura Francesco De Giovanni di Santa Severina ha sottolineato: “Come Provincia dobbiamo essere quanto più possibile propositivi e vicini a questo Piano Agricolo del Comune di Brusciano che sta a certificare la straordinaria valenza di uno strumento davvero straordinario”.
Un importante contributo al dibattito è arrivato anche dall’on. Paolo Russo, Componente Commissione Agricoltura Camera dei deputati: “Plaudo all’ottima iniziativa lanciata da Brusciano e che sia da esempio per gli altri comuni della provincia”.

Parole di apprezzamento anche dalla Regione Campania con l’intervento in aula dell’Assessore all’Agricoltura, Daniela Nugnes: “Metteremo il Qr code che stiamo realizzando come Regione Campania a disposizione delle Eccellenze di Brusciano che avranno già fatto il loro percorso di certificazione della filiera grazie al piano agricolo comunale.”.

Dall’assessore Pasquale Sommese arriva un monito: “Valorizzare sempre più i paesaggi, partendo da progetti come questo che diano respiro al turismo in una terra da tempo martoriata”.

Un contributo di spessore è stato dato anche dal professor Vincenzo Peretti che ha tenuto a precisare: “Partendo dall’esempio di Brusciano sarebbe necessario in Campania realizzare un piano agricolo regionale partendo in primis dalla tutela degli agricoltori e salvaguardando l’ambiente. Non va poi dimenticato che è importante costruire e promuovere un brand tutto campano”.

Il Commissario Regionale per le bonifiche Mario De Biase, si augura che: “Il nuovo governo Renzi continui sulla strada della legge 6 e sulla scia del piano agricolo bisogna puntare a valorizzare i prodotti campani che al di là della bolla mediatica restano i migliori d’Italia”.

Infine deciso e fermo è stato l’intervento del primo cittadino di Brusciano, Giosy Romano: “Non abbiamo inventato nulla. Fin dal 2004 esiste una legge regionale che fissa tre punti fondamentali: urbanistica, ambiente, tutela del paesaggio agricolo. Il nostro è un esempio che può essere seguito anche dagli altri. I nostri territori possono esprimere molto, siamo stanchi di essere additati come quelli della “Terra dei Fuochi”, penso sia arrivato il momento di reagire partendo dalle nostre eccellenze. Una volta partiti identificheremo i terreni che possono essere coltivati, mentre gli eventuali appezzamenti non idonei verranno utilizzati per coltivazioni “No food”. Si partirà con un censimento dei nostri prodotti, individuando quelli a cui rilasciare una denominazione comunale (DE.CO.)”.

Roberto Esse

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.