Home > Attualità > No a gioco d’azzardo, raccolta firme Idv contro slot mangia soldi. Di Nardo: (...)

No a gioco d’azzardo, raccolta firme Idv contro slot mangia soldi. Di Nardo: Il nostro impegno per combattere lo Stato biscazziere

venerdì 10 gennaio 2014, di La redazione

No al gioco d’azzardo: Italia dei Valori di nuovo in piazza per raccogliere le firme contro le slot mangia-soldi. Nel prossimo week end, sabato 11 e domenica 12 gennaio, banchetti in tutti e cinque i capoluoghi di provincia e in tante altre città della Campania, tra cui Pozzuoli, Castellammare di Stabia, Sorrento e Torre del Greco.

"Continua il nostro impegno per sconfiggere lo Stato biscazziere"- dichiara Nello Di Nardo, segretario regionale di Italia dei Valori che continua: "Il gioco d’azzardo è una forte emergenza sociale in tutto il paese, ma qui in Campania assume un tratto ancora più drammatico perché proprio nei territori dove è maggiore la disoccupazione e la fragilità economica c’è un maggior numero di persone che tentano il tutto per tutto e affidano le loro speranze di riscatto al gioco d’azzardo.

Contro una tale emergenza sociale l’unica prevenzione possibile è il divieto assoluto dei giochi d’azzardo diversi da quelli tradizionali e organizzati dallo Stato o da società controllate, quali le grandi lotterie nazionali abbinate a spettacoli televisivi, il lotto, nelle sue varie forme, e le scommesse sul campionato italiano di calcio. La proposta di legge sulla quale stiamo raccogliendo le firme in tutto il paese prevede anche un sistema sanzionatorio più rigoroso essendo quello vigente del tutto irrisorio dinanzi alla potenza economica delle lobby di pressione, presenti anche in politica.

Questo divieto fa venir meno una quota di gettito fiscale, ma è compensata secondo alcuni accreditati studi, dal minor costo che la collettività dovrebbe affrontare, ossia quel costo legato alle conseguenze gravi e negative del gioco d’azzardo, solo in parte rappresentate dalle cure degli 800mila ludopatici accertati, dai costi della prevenzione nei confronti dei due milioni di cittadini a rischio, dai danni per le imprese, dai suicidi di chi si rovina la vita scommettendo".

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.