Home > Attualità > Nola. Presentato il libro “Padre Pio ’perduoneme’” di Nino Cesarano

Nola. Presentato il libro “Padre Pio ’perduoneme’” di Nino Cesarano

In questi versi altamente emotivi ed evocativi, l’autore infonde un messaggio di Fede e devozione.

sabato 21 dicembre 2013

Nino Cesarano racconta in versi napoletani la vita del Santo di Pietrelcina (Bn), nel libro “Padre Pio ... perduoneme”. La presentazione in anteprima è avvenuta giovedì 19 dicembre, alle ore 18.00, nel Salone dei Medaglioni del palazzo Vescovile di Nola. Per la stesura, l’autore si è avvalso della consulenza di due docenti esperti in lingua napoletana e dell’ausilio di tre appositi dizionari.

Per l’occasione in terra bruniana, sono intervenuti i sindaci di Nola avv. Geremia Biancardi e di Pietrelcina, dr. Domenico Masone. Ed ancora, Mario De Tommasi, Direttore Casa Editrice IDEAS; il dr. Gianni Mozzillo, direttore dell’associazione “Amici di Padre Pio” onlus; Padre Giulio Di Domenico, superiore guardiano del convento dei frati cappuccini di Nola; il consigliere comunale arch. Pasquale Petillo, presidente della VI commissione consiliare dell’Ente di piazza Duomo, ed altri ancora.

In questi versi altamente emotivi ed evocativi, l’autore, Nino Cesarano infonde un messaggio di Fede e devozione, mettendo in evidenza il concetto di una vita dedicata al bisogno degli “Altri” nell’Amore di Dio e nel modello di San Francesco d’Assisi.

Lo ha fatto egregiamente usando il verso napoletano da veterano, per avervi pubblicato una serie di precedenti libri. Con estrema umiltà e semplicità, fidando nella sua esperienza letteraria e sulla genuinità ed autenticità dei propri sentimenti religiosi.

Durante la serata vi è stato l’intrattenimento con deliziose musiche del M.º Espedito De Marino, chitarrista e voce solista. Le letture sono state a cura di Antonio Puzzi, Filomena Cetra e Antonio Gozza.
Moderatori, la giornalista de “Il Mattino”, Carmela Maietta, e Antonio Grilletto, tenente colonnello addetto stampa Esercito Italiano.

L’evento sarà replicato sabato 21 dicembre prossimo, alle ore 18.30, a Pietrelcina (Bn), presso il Centro Sociale Polivalente “Grazio Forgione”.

A complimentarsi con l’autore il sindaco della città dei gigli, Geremia Biancardi che, nel suo intervento ha ricordato il collegamento tra San Paolino da Nola e Padre Pio , in quanto le spoglie del Santo “nolano”, sono state tenute per diverso tempo nel Duomo di Benevento.

Il “Vate” bruniano, alla fine dell’evento ha inteso ringraziare tutti gli intervenuti ed in modo particolare il rag. Enzo De Lucia – assessore/vicesindaco del comune di Nola - che ha sostenuto l’iniziativa in forma del tutto personale, sulla base della sua più volte riscontrata devozione al Santo Pio.

A testimonianza di ciò lo spazio dedicato dall’autore e dall’editore al De Lucia, sulla copertina retro del libro, che recita: “Ho sostenuto prontamente e con immenso piacere la pubblicazione di questo libro per la nota devozione personale al Santo di Pietrelcina. In particolare, quest’opera in lingua napoletana partorita dalla sapiente penna del nostro concittadino Nino Cesarano – valente poeta “popolare” – non può, a mio giudizio, che promuovere ulteriormente il culto di San Pio”. ENZO DE LUCIA.

A testimoniarne la Fede e la Devozione, i tanti episodi mistici che hanno fatto e fanno da corollario alla vita dell’imprenditore e politico nolano Enzo De Lucia, magari sconosciuti ai più! Parliamo dei frequenti pellegrinaggi insieme ad altri Fedeli Devoti, sui luoghi del Santo della Stimmate - Pietrelcina e Piana Romana – San Giovanni Rotondo - Ad un pannello rappresentante San Pio, eretto a propria cura e spese, sul lato della Chiesa che affaccia su piazza San Vincenzo Ferreri a Polvica e alla piazzetta “Padre Pio”, nella stessa frazione nolana, tenuta sempre in modo perfetto e dove si svolgono celebrazioni in diversi periodi dell’anno.

Esempi che, da soli dimostrerebbero ben poco se non venissero seguiti dai fatti che abbiamo vissuto personalmente, a scanso di qualsivoglia speculazione, di facili tentazioni.

San Pio da Pietrelcina (Francesco Forgione)

Pietrelcina/Benevento 25 maggio 1887 - San Giovanni Rotondo, Foggia, 23 settembre 1968
Francesco Forgione nasce a Pietrelcina, (Bn) il 25 maggio 1887. Il 22 gennaio 1903, a sedici anni, entra in convento da francescano cappuccino, prendendo il nome di fra’ Pio da Pietrelcina. Diventa sacerdote sette anni dopo, e precisamente il 10 agosto 1910.

Nel 1916 viene trasferito a San Giovanni Rotondo, sul Gargano, e qui, nel convento di Santa Maria delle Grazie, ha inizio per Padre Pio la storia a noi nota.

Cristo che resteranno aperte, dolorose e sanguinanti per ben cinquant’anni. Muore il 23 settembre 1968, a 81 anni. Dichiarato venerabile nel 1997 e beatificato nel 1999, è canonizzato nel 2002.

Quando muore, il 23 settembre 1968, a 81 anni, le stimmate scompaiono dal suo corpo e, davanti alle circa centomila persone venute da tutto il mondo ai suoi funerali, ha inizio quel processo di santificazione, per lui, uno dei santi più amati dell’ultimo secolo.

Di Anna Lisa Auriemma

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.