Home > Cronaca > Nolano. Contatore modificato, furto di 10mila euro di energia elettrica (...)

Nolano. Contatore modificato, furto di 10mila euro di energia elettrica sulla ss268: In manette 33enne, denunciata la moglie

venerdì 11 ottobre 2013, di Patrizia Panico

NOLA. Con un dispositivo magnetico ben congegnato, forniva illegalmente il locale di energia elettrica ai danni della compagnia erogatrice del servizio. Fino alla scoperta del furto da parte degli agenti di polizia del Commissariato di Nola, che hanno arrestato il responsabile Raffaele Genevose, 33 anni, responsabile del reato di furto aggravato e continuato di energia elettrica.

A rispondere dello stesso reato di furto anche la moglie, 30 anni, dell’uomo. La scoperta della truffa è avvenuta nel corso di una serie di controlli presso un’area di servizio lungo la strada statale 268, da parte gli agenti del locale commissariato, che hanno accertato che il proprietario del locale con un sistema di allacci e derivazioni abusive si approvvigionava illegalmente dell’energia elettrica per alimentare il locale.

I controlli sono stati eseguiti tutti con l’ausilio dei tecnici della compagnia di erogatrice di energia elettrica che hanno scoperto l’esistenza di un dispositivo magnetico, installato sul contatore, che alterava il flusso di erogazione all’interno del locale. Un danno di circa 8 mila euro, secondo quanto accertato al momento dalla compagnia elettrica. Complice della truffa anche la moglie, denunciata per lo stesso motivo, mentre per l’uomo sono scattate le manette.

Nel corso della giornata gli agenti della polizia nolana hanno arrestato a Marigliano Alberto Ofantino, 49enne già pregiudicato per reati contro il patrimonio, contrabbando di sigarette e detenzione di arma da fuoco modificata.

La scoperta è avvenuta nel corso di una perquisizione all’interno del suo appartamento: gli agenti hanno rinvenuto, nascosta sotto il tavolo del salone, una pistola artigianale, idonea allo sparo, completa di 5 cartucce, del calibro 7,65, inserite nel caricatore più una già inserita nella canna. Inoltre, nel vano cucina, gli agenti hanno rinvenuto e sequestrato anche 80 chili di sigarette di contrabbando. L’uomo è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, in attesa della convalida.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.