Home > Attualità > Piazzetta Pomintella: esempio di gestione e cura affidata ai (...)

Piazzetta Pomintella: esempio di gestione e cura affidata ai cittadini

sabato 3 agosto 2013, di La redazione

Una piazzetta adottata da un intero quartiere e dove pian piano stanno ritornando a ripetersi le antiche tradizioni. E’ la piazzetta di via Pomintella: un ampio marciapiede affidato, nella gestione e cura, all’azienda dei fratelli Granato, un’area vissuta dai residenti della zona e dai frequentatori del bar “Heaven”. Grazie a Franco Granato sono state sistemate le panchine, allestite delle siepi, potati gli alberi ed è stata installata un’edicola votiva in pietra lavica e maiolica, che raffigura la Madonna dell’Arco. Un buon esempio di gestione diretta dei cittadini che potrebbe essere ripresa e attuata anche in altre aree degradate della città. “Abbiamo ripreso alcune antiche abitudini”, spiega Salvatore Lanzetta, presidente della Paranza delle Gavete tra i maggiori frequentatori della piazzetta, “una quindicina di anni fa si era interrotta una tradizione legata al lunedì d’Albis quando il gruppo di battenti del Casamale si fermava in questa zona per la messa, da tre anni questa abitudine è ripresa ed il prossimo anno contiamo di riprendere sia il momento della celebrazione che quello successivo dei fuochi d’artificio”. Ma non soltanto, nel maggio scorso, il primo maggio, la piazzetta di via Pomintella ha fatto da scenario ad un’altra iniziativa: la prima festa delle Gavete che, come spiegano Franco Granato e Lanzetta: “Tornerà ogni anno e si ripeterà, visto il successo ottenuto nella prima edizione”. “E’ giusto”, concludono, “ che tutti insieme ci sforziamo di far vivere questi luoghi considerati periferici, senza lasciarli all’abbandono”. Un esempio che si spera possa ispirare molti altri cittadini.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.