Home > Politica > Pollena. Ambiente, dalle piazze alle case: al via la nuova raccolta (...)

Pollena. Ambiente, dalle piazze alle case: al via la nuova raccolta differenziata

lunedì 20 gennaio 2014, di Patrizia Panico

POLLENA TROCCHIA. Raccolta differenziata, dalle piazze alle case. Parte dalle cinque piazze principali del territorio cittadino, la nuova campagna di sensibilizzazione per rinnovare la raccolta differenziata. Un nuovo calendario per vivere l’ambiente e l’ecologia a 360 gradi e per 365 giorni l’anno, un nuovo obiettivo: superare l’asticella del 65 per cento della differenziata entro la fine dell’anno.
A tal proposito, nello scorso fine settimana, sono stati allestiti cinque stands in piazza Amodio, piazza Capece Minutolo, piazzetta San Gennariello, via Mazzini e via Calabrese, dove il personale della ditta e i volontari hanno iniziato la distribuzione degli opuscoli informativi per la corretta differenziazione dei rifiuti e i calendari 2014.

“Separare i rifiuti e conferirli correttamente, oltre a rendere più ordinato il nostro paese, consente di ridurre le quantità di rifiuti da trasferire in discarica e di recuperare, attraverso il riciclo, materiali utili alla produzione di nuovi oggetti di cui ci serviamo ogni giorno, evitando di sprecare risorse naturali”: è quanto dichiara il sindaco di Pollena Trocchia, Francesco Pinto, sotto la cui amministrazione è partita per la prima volta nel 2008 la raccolta differenziata attestatasi nel 2013 sulla soglia del 50 per cento.

“Con piccoli gesti quotidiani e con l’impegno di tutti i cittadini possiamo superare la soglia del 65 per cento di raccolta differenziata e consegnare ai nostri figli un paese più pulito, più sano e più vivibile”, spiega invece l’assessore all’Ambiente, Vincenzo Filosa.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.