Home > Politica > Pollena. Asilo nido comunale, al centro Paolino Avella il primo della città. (...)

Pollena. Asilo nido comunale, al centro Paolino Avella il primo della città. Entro marzo il bando

martedì 18 febbraio 2014, di Patrizia Panico

POLLENA TROCCHIA. Nascerà all’interno del Centro “Paolino Avella”, in via Cavour, il primo asilo nido comunale della cittadina. Dire che l’opera fosse attesa, era poco: la sua mancanza rappresentava un gap nella comunità di Pollena Trocchia.

Non a caso il progetto è stato uno dei fiori all’occhiello da realizzare da parte dell’attuale amministrazione guidata da Francesco Pinto. Una promessa già anticipata nel corso della prima consiliatura Pinto, e, che ora, al suo secondo mandato, sembrerebbe in dirittura di arrivo. Grazie alla convenzione, il Comune potrà entro un paio di settimane essere in grado di pubblicare il bando di gara e iniziare i lavori quanto prima: l’obiettivo è quello di inaugurare la struttura in concomitanza con l’inizio del prossimo anno scolastico.

Lo scorso 7 novembre l’amministrazione ha sottoscritto con la Regione Campania la convenzione per l’asilo nido comunale. “Da quando ci siamo insediati, come promesso in campagna elettorale, abbiamo iniziato a lavorare sulla programmazione sul medio e lungo termine concentrandoci, inoltre, su obiettivi prioritari”, spiega il sindaco. “Tra questi - prosegue - c’era l’asilo nido comunale per il quale abbiamo avuto all’inizio dell’anno scorso il decreto col quale la Regione Campania comunicava di avere messo a finanziamento il nostro progetto. In seguito ci siamo impegnati per recuperare le somme necessarie per coprire la nostra quota di compartecipazione”.

Lo scorso 31 dicembre c’è stata l’approvazione del progetto esecutivo e venerdì scorso è stata sottoscritta con la Regione la convenzione che entro un paio di settimane permetterà all’Ente di pubblicare il bando di gara. Il Centro Paolino Avella che ospiterà l’asilo nido comunale verrà ampliato con la realizzazione di una struttura simmetrica a quella esistente.

Sarà un’opera all’avanguardia capace di ospitare fino a 60 bambini per rispondere alle esigenze del territorio e anche a quelle di comuni limitrofi. Il progetto prevede anche la sistemazione di tutte le aree esterne in modo che i bambini possano disporre del verde e delle strutture esterne che si andranno a realizzare.

di Patrizia Panico de Il Mattino area sud-costiera

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.