Home > Attualità > Comunicati Stampa > Pomigliano. Grande presentazione di “Estasi di Mirko Pastore”

Pomigliano. Grande presentazione di “Estasi di Mirko Pastore”

lunedì 6 gennaio 2014, di Comunicato Stampa

POMIGLIANO D’ARCO. Il 16 dicembre 2013 alle ore 21 e 30 all’antica Tripperia O’ Russ, in via Pier delle Vigne Napoli, si è tenuta la presentazione dell’album di Mirko Pastore. Il lavoro discografico di Mirko contiene 11 brani prodotto e distribuito dalla Zeus Record. Alcuni testi dell’album sono dello stesso Mirko Pastore e C. Liberati, altri di G. Da Vinci e D. Chianese, E. Rossi e V. D’Agostino e tanti altri.

Il cantante napoletano ha puntato tutte le sue forze su quest’ultimo lavoro, certo di non deludere i suoi fans che lo ascoltano ormai da tempo. Il singolo “Mi Mancherai”, scritto da L. Barbato, V. Lucarelli e musicato da Tony Colombo, è già nelle radio e nelle televisioni ormai da tempo e ha riscontrato tanto successo.

Estasi contiene anche un brano con il famoso cantante Luciano Caldore, dal titolo “L’Amico del Cuore” (M. Alfano – C. Liberati). Non solo, l’artista partenopeo ha scritto ultimamente anche la colonna sonora del film “Malanapoli la ventunesima stella”, uscito nelle sale napoletane il 4 dicembre. La colonna “Malanapoli” è stata inserita all’interno del cd. Tantissimi sopiti sono venuti ad onorare Mirko come: Luciano Caldore, Gino Da Vinci, Sergio Donati, Carmine Liberati, AnnaMaria Viscardi, Ettore Petraroli, Consuelo Cremato e Lello Stefanino, Antonio Ciccone produttore e attore del film al “Malanapoli la ventunesima stella” Luciano Filangieri, Stefania Zizolfi, Enzo Calone, e tantissimi altri. Anche questo lavoro di Mirko sarà sicuramente da ascoltare, un artista che continua a stupirci con la sua voce e la sua eleganza.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.