Home > Politica > Pompei. Nasce un nuovo movimento per creare cultura e rilanciare l’economia (...)

Pompei. Nasce un nuovo movimento per creare cultura e rilanciare l’economia in città

giovedì 14 novembre 2013, di La redazione

POMPEI. Professionisti, imprenditori, associazioni e docenti universitari in campo per il rilancio culturale e turistico della citta’ di Pompei. Nasce tra mondo della medicina, della giustizia e della classe imprenditoriale un nuovo movimento che punta ad un cambio di scena, in termini politici e culturali per il territorio di Pompei. Tra questi il Chirurgo plastico Peofessor Carmine Alfano, originario dell’area vesuviana, coinvolto con altri docenti ed esperti del settore, per partecipare ad un confronto finalizzato a costruire nuove basi per il futuro dell’Antica Pompei.

"La politica nel nostro paese e’ ormai arrivata al capolinea - commenta il Professor Alfano - Sta giungendo al termine, in modo caotico ed inaspettato, la cosiddetta seconda Repubblica che attraverso la scelta del maggioritario aveva fatto immaginare una maggiore governabilità dentro un sistema di alternanza. Non possiamo pero’ rassegnarci e stare a guardare, dobbiamo alimentare il confronto culturale, l’impegno civile in cui persone che hanno passione ma che non fanno politica quotidianamente si impegnino a proporre nel lavoro, nel quartiere ove abitano un modello sociale e politico che esuli dal tornaconto e si trasformi in uno spirito di servizio.

L’unica strada perseguibile è quella di tornare tra la gente a partire dalle Comunità locali - continua Alfano - Occorre che tutti a partire dalla propria esperienza debbano attivarsi per trovare soluzioni alle problematiche della gente e soprattutto mettersi in discussione, dedicando parte del tempo ascoltando e prendendo in considerazione i bisogni comuni e incentivare soluzioni. La partecipazione agli incontri di questo nuovo movimento risulta ogni settimana piu’ interessante, perche’ si spazia a tutto tondo sulle problematiche di Pompei e ponendo sul tavolo anche delle ipotetiche soluzioni, dall’urbanistica al turismo, dai lavori pubblici ai trasporti".

Un movimento che non ha per ora neanche un nome, ma dove in modo spontaneo, con un sistema di telefonate, tra persone con gli stessi interessi, ambienti associativi, ordini professionali, sta oggi diventando un salotto culturale itinerante, dove per la prima volta a Pompei, non sono i partiti o i politici in campagna elettorale a parlare della citta’, bensi’ la popolazione, con il piacere e l’entusiasmo di confrontarsi e costruire per il futuro di questa millenaria citta’.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.