Home > Cultura > Premio “Le Maschere del Teatro Italiano”. Le nomination dell’edizione (...)

Premio “Le Maschere del Teatro Italiano”. Le nomination dell’edizione 2013

lunedì 26 agosto 2013, di Giusi Fabozzi

Napoli. La sera del 5 Settembre, il Teatro di San Carlo ospiterà uno degli eventi più importanti dello spettacolo italiano (diretta televisiva sul primo canale Rai): il premio “Le Maschere del Teatro Italiano”. Ideato da Luca De Fusco e Maurizio Giammusso ed organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival, in collaborazione con Agis (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) il premio, giunto alla sua terza edizione, nasce per attribuire importanti riconoscimenti artistici e professionali. Proprio lo scorso 24 Giugno, al teatro Quirinetta di Roma, la giuria (presidente Gianni Letta) ha selezionato le terne finaliste delle undici categorie: Catherine Rankl per lo spettacolo La scuola delle mogli, Simone Mannino e Simona D’Amico con C’è del pianto in queste lacrime e Antonella Cannarozzi con Dopo la battaglia (categoria MIGLIOR COSTUMISTA); Le voci di dentro, regia di Toni Servillo, La coscienza di Zeno, regia di Maurizio Scaparro e Dopo la battaglia, regia di Pippo Delbono (categoria MIGLIOR SPETTACOLO DI PROSA); Toni Servillo con Le voci di dentro, Maurizio Scaparro per La coscienza di Zeno e Luca Zingaretti con La torre d’Avorio (categoria MIGLIOR REGISTA); Pamela Villoresi per lo spettacolo Memorie di una schiava, Sara Bertelà con Exit e Manuela Mandracchia per John Gabriel Borkman (categoria MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA); Toni Servillo per Le voci di dentro, Mariano Rigillo per lo spettacolo Erano tutti miei figli, Filippo Dini con Il discorso del re (categoria MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA); Chiara Baffi per Le voci di dentro, Anna Teresa Rossini per Erano tutti miei figli, Alvia Reale per lo spettacolo Il panico (categoria MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA); Peppe Servillo ancora per Le voci di dentro, Leandro Amato per lo spettacolo C’è del pianto in queste lacrime, Ernesto Lama con Viviani Varietà (categoria MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA); Maria Paiato per Anna Cappelli, Sabrina Impacciatore con È stato così e Michela Cescon per lo spettacolo Leonilde, storia eccezionale di una donna normale (categoria MIGLIOR INTERPRETE DI MONOLOGO); Valeria Parrella con Antigone, Mattia Torre per lo spettacolo Qui e ora, Fausto Paravidino con Exit (categoria MIGLIOR AUTORE DI NOVITÀ ITALIANE); Simone Mannino e Simona D’Amico per lo spettacolo C’è del pianto in queste lacrime, Claude Santerre con Dopo la battaglia, Massimiliano Nocente per Il discorso del re (categoria MIGLIOR SCENOGRAFO); Ran Bagno per Antigone, Pasquale Scialò per Viviani Varietà, Nicola Piovani per lo spettacolo La serata a Colono di Mario Martone (categoria MIGLIOR AUTORE DI MUSICHE). Nella presente edizione, saranno premiati anche due artisti emergenti, grazie alla collaborazione con l’Associazione Mariangela Melato.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.