Home > Politica > Presidenza del Consiglio, eletto Barone. Ok proposta Sel: Cercola nel (...)

Presidenza del Consiglio, eletto Barone. Ok proposta Sel: Cercola nel Comitato sindaci pro acqua pubblica.

sabato 3 agosto 2013, di Patrizia Panico

CERCOLA. Lo scacchiere dell’amministrazione comunale, guidata da Vincenzo Fiengo si è completato: l’altra sera, in seconda convocazione, il Consiglio ha votato ed eletto il Presidente dell’Assise.

Si tratta del consigliere Vincenzo Barone esponente del Movimento Democratico (della coalizione progressita di Fiengo). Barone, fin dagli inizi in pole position per l’agognata nomina, almeno da parte della maggioranza, è stato eletto con 12 voti a favore, ieri per il quorum ne sarebbero bastati 9 (la metà più uno), mentre l’altro consigliere in corsa per la nomina, il piddino Giovanni Paudice dell’opposizione, ne ha incassati due.

Due consiglieri, rispettivamente della maggioranza e dell’opposizione, erano assenti ciò comunque non ha fatto mancare i numeri sufficienti a Barone per essere eletto. Come da pronostico.

Eletti, inoltre, anche i due vicepresidenti, Teresa Iorio del Centro Democratico e Giovanni Paudice, il piddino espressione dell’opposizione consiliare.

Barone vanta un’esperienza ultraventennale nella politica cercolese, ne è stato anche il primo cittadino e un assessore nel corso degli anni. Oggi alla presidenza dell’Assise pubblica assicura un confronto aperto e trasversale con tutti attraverso il dialogo costante: "Sarò il Presidente di tutte le forze politiche - dice il neo eletto - di tutti i consiglieri comunali, che mi abbiano votato o meno. Attraverso un Ufficio di presidenza - prosegue - avvierò un dialogo costante con i rappresentanti del Consiglio comuale per garantire gli interessi dell’intera cittadina di Cercola".

E al secondo punto all’ordine del giorno c’era anche la Delibera, proposta da Sel, relativa all’entrata del Comune di Cercola a fare parte del Comitato dei sindaci dell’area sarnese vesuviana, che mirerebbe a porre in liquidazione la Società che attualmente gestisce il rifornimento idrico del territorio Vesuviano.

Lo scopo del comitato sarebbe quello di dare seguito al risultato del referendum per l’acqua pubblica e dunque contro ogni forma di privatizzazione, votato nel giugno 2011. La proposta di Sel è passata anche con i voti di alcuni consiglieri dell’opposizione.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.