Home > Attualità > S.Anastasia. Cagnolini chiusi in una scatola legata, salvati da una (...)

S.Anastasia. Cagnolini chiusi in una scatola legata, salvati da una ragazza

venerdì 11 ottobre 2013, di Lisa Terranova

“Il cane è metà tra il bambino e l’angelo” così il grande Totò descriveva l’animo del cane e stamattina Rosaria Ceriello ha salvato un bambino ed un angelo. Nella stradina adiacente tra la stazione ferroviaria di Sant’Anastasia e il parco "Sant’Antonio", vialetto che unisce via Europa con via Raffaele Viviani, Rosaria camminava assorta nei suoi pensieri. All’improvviso ha visto una scatola ben chiusa (avvolta da una busta di un noto supermercato della zona, annodata con scrupolosa meticolosità), muoversi. All’inizio ha avuto paura ma è ritornata indietro perché voleva capire cosa fosse, più si avvicinava e più sentiva dei lamenti paragonabili al pianto di un bambino. Con il cuore in gola ha aperto la busta e sollevato il coperchio dalla scatola e ha trovato due splendidi cuccioli che la guardavano con occhi terrorizzati. Rosaria non ha esitato a prenderseli e a portarli via con se. Ora la donna li ha condotti nel giardino di una sua conoscente, i quali oltre a ricevere le prime cure sono stati ricoperti di coccole e tante tenerezze per tranquillizzarli dal trauma subito. Rosaria non riesce a credere a ciò che le è successo e non smette di chiedersi, quale mente perversa e tremendamente cattiva compie un gesto così inumano? Come può dormire la notte?Ma fortunatamente esistono persone come Rosaria e la sua amica che hanno deciso di darli in adozione, logicamente a persone affidabili. E come diceva Toto” Salviamo prime le bestie e poi gli uomini”!

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.