Home > Attualità > S.Giorgio. Apre lo Sportello antiviolenza Lilith e a dicembre un’asta (...)

S.Giorgio. Apre lo Sportello antiviolenza Lilith e a dicembre un’asta solidale

sabato 23 novembre 2013, di Lisa Terranova

“Donna che non sente dolore, quando il freddo gli arriva al cuore” così Mia Martini cantava la celebre canzone “Donna”, componimento struggente e doloroso. Un grido disperato. Lo stesso grido che molte donne ancora oggi scagliano contro il loro carnefice. Un emergenza sociale attualmente presente e che non accenna a diminuire, anzi. Per questo nasce nel comune di San Giorgio A Cremano il primo sportello anti violenza, che verrà inaugurato Lunedì 25 novembre, alle ore 10.30, nell’ambito della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, presso l’informagiovani della città in via Mazzini. Lo sportello denominato Lilith, “Un progetto di donne per donne”, non è altro che il proseguo della nota e lodevole realtà anti violenza che opera dal 2010 sul territorio di San Sebastiano al Vesuvio. Le donne vittime di violenza domestica sia fisica che psichica potranno trovare ora aiuto anche sul suolo sangiorgese, dove lo sportello in oggetto offrirà accoglienza in uno spazio protetto, con i seguenti obbiettivi: contrastare l’isolamento e costruire un percorso di crescita, affrontare e risolvere i problemi, combattere la diffusione degli abusi e la violenza contro le donne. Alla presentazione dello Sportello Lilith saranno presenti il sindaco di San Giorgio Domenico Giorgiano, il vice sindaco Giorgio Zinno, l’assessore alle Pari Opportunità Michele Carbone, il presidente dell’associazione Sott’e’ncoppa e volontario dello sportello Lilith Giovanni Russo e Antonio De Magistris presidente di Globe4.me, piattaforma web che funge da finestra aperta di dialogo tra la società civile e il mondo istituzionale al fine di garantire un flusso costante di informazioni in materia di: politica ambientale, cultura, legalità e benessere sociale. Nel corso della conferenza, verrà anche presentata la Rassegna di Solidarietà per raccolta fondi per lo sportello: Mobbasta! – ASTA SOLIDALE, che si terrà nei giorni 13, 14 e 15 dicembre a Villa Bruno dove i coordinatori sono Giovanni Russo, Mauro de Santis e Francesca Scognamiglio sicuri che questa seconda edizione dell’Asta Solidale sarà ancora più ricca e partecipata. Tra le primissime adesioni si registra anche quella della modella Francesca Fioretti, sul palco come presentatrice il 13, con Michele Caputo che presenterà lo spettacolo "Komikamente per la solidarietà" ed il 14 dicembre, dalle 18.30 con Francesca Scognamiglio e Massimo Carrino in veste di banditori per l’Asta di Solidarietà . Giovanni Russo volontario dello sportello Lilith e presidente dell’Associazione Sott’è ncoppa ha dichiarato; “Oggi più che mai c’è bisogno di sostenere le donne vittime di violenza e di dar loro supporto concreto, l’apertura di un nuovo sportello è un elemento importante ma dobbiamo anche dire che ce ancora tanta strada da fare. Occorrono le case d’accoglienza ed occorre sempre più sensibilizzare la cittadinanza e diffondere una cultura che restituisca alle donne l’opportunità di autodeterminarsi e riappropriarsi della propria vita senza timori ed autonomamente. Inoltre il prossimo 17 dicembre l’associazione Sott’e’ncoppa, che cura lo Sportello antiviolenza Lilith, compierà 15 anni! Se guardiamo ai numeri della violenza sulle donne non ci sentiamo di festeggiare nel senso classico del termine ma sicuramente l’apertura del nuovo sportello a San Giorgio ed una tre giorni di impegno e sensibilizzazione, quale l’Asta Solidale che si terrà dal 13 al 14 dicembre in Villa Bruno, è il modo migliore per onorare le troppe vittime del femminicidio e continuare a ribadire il nostro impegno al fianco di quante hanno bisogno di aiuto.”Per info www.mobbasta.it www.facebook.com/Astasolidale}}}

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.