Home > Attualità > San Giorgio. “No” ai fuochi illegali, gli alunni dell’istituto comprensivo De (...)

San Giorgio. “No” ai fuochi illegali, gli alunni dell’istituto comprensivo De Filippo” incontrano gli artificieri

martedì 19 novembre 2013, di La redazione

SAN GIORGIO A CREMANO. Grazie al progetto “Educazione alla legalità”, gli allievi dell’istituto comprensivo De Filippo di via Cavalli di Bronzo hanno incontrato gli artificieri dei Carabinieri di Napoli.

All’iniziativa, supportata dall’assessore alla Scuola e all’Infanzia, Luciana Cautela, erano presenti il dirigente scolastico ed il maresciallo capo Di Candio della stazione dei carabinieri di San Giorgio. L’incontro si è svolto nella palestra della scuola e, visto l’avvicinarsi delle feste natalizie con relativa cattiva abitudine ad accendere petardi, il fulcro centrale della giornata è stata la spiegazione della pericolosità dei fuochi d’artificio.

A tener viva l’attenzione degli studenti, i carabinieri presenti hanno proiettato video ed effettuato dimostrazioni pratiche. “Gli articoli pirotecnici e i fuochi d’artificio non utilizzati in modo corretto sono molto pericolosi poiché mettono a repentaglio l’incolumità di chi ne fa uso e di chi assiste alla loro accensione. – hanno spiegato - Purtroppo ragazzi e bambini, in particolare, sono i più colpiti dalle esplosioni, perdendo spesso dita delle mani o addirittura gli occhi.

Per questi motivi bisogna informare i ragazzi sulla pericolosità e sul corretto uso dei fuochi, ricordando però che si può festeggiare il nuovo anno anche senza botti o con piccoli e semplice giochi di luce non pericolosi in tutta sicurezza godendosi il momento con i propri cari”. Al termine dell’incontro, gli allievi hanno ringraziato le forze dell’ordine intervenute dimostrando entusiasmo per le informazioni acquisite.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.