Home > Attualità > Comunicati Stampa > San Giorgio a Cremano. Il tema femminicidio a Villa Bruno

San Giorgio a Cremano. Il tema femminicidio a Villa Bruno

L’evento è organizzato dal presidente del Cad Provinciale di Napoli il dottor Franco Muzio in collaborazione con Underforty e Confartigianato.

martedì 19 novembre 2013

Lo scottante ed attuale tema del femminicidio al centro di una mattinata a San Giorgio a Cremano. “Nessuno tocchi Eva” questo il titolo dell’evento ospitato da Villa Bruno giovedì 21 novembre a partire dalle ore 10.

L’evento è organizzato dal presidente del Cad Provinciale di Napoli il dottor Franco Muzio in collaborazione con Underforty e Confartigianato.

Dopo i saluti del presidente e del presidente dell’osservatorio italiano di vittimologia il professor Ferdinando Tramontano si entrerà nel vivo del della scottante tematica con numerosi interventi sul tema.

- dottoressa Rosa Criscuolo, Dipartimento Eventi CAD ;
- dottoressa Elvira Reale, Responsabile Centro Anti-Violenza Ospedale San Paolo ;
- dottoressa Simona Maffei, vice questore di Napoli;
- Rosa Chiaiese, autore del libro " Clelia d’autunno " ;
- Patrizia L’Astorina, Giornalista
- dottoressa Laura Russo, Presidente Telefono Rosa Napoli ;
- dottoressa Cira Forte, Psicologa Ospedale Pascale ;
- Ingegnere Gerardo Rosa Salsano, Presidente Nazionale CAD Sociale;
- dottoressa Ilaria Romano, Presidentessa Underforty Brest Care ;
- dottoressa Bianca Maria D’Angelo, Consigliere Regionale Campania;
- dr. Gaetano Morrone, Psicologo Giudice Onorario Tribunale dei Minorenni ;
- dr. Gennaro Imperatore, Criminologo Sociologo;
- Professoressa Diana Salzano, Presidente Osservatorio Violenza Media e Minori Università di Salerno;
Conclude:avvocato Felice Forgione, Responsabile Dipartimento Criminologia CAD Sociale

Modera:Roberto Esse

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.