Home > Cronaca > Sant’Anastasia – A tutela della sicurezza chiude l’antico portone del (...)

Sant’Anastasia – A tutela della sicurezza chiude l’antico portone del Municipio.

giovedì 12 settembre 2013, di Maria Beneduce

“Il portone del Comune è chiuso” stupore in piazza Siano, “Ma è successo qualcosa?” Questo ieri si chiedeva la gente che passava davanti al Municipio. Non tardano però a giungere le precisazioni del primo cittadino, Carmine Esposito, che dice, “Non c’è nulla da temere, il portone è chiuso ma noi restiamo aperti ai cittadini”, spiega il sindaco. Si tratta solo una nuova formula legata alla “sicurezza”, e ad indicare la nuova modalità d’accesso, oltre che l’enorme portone serrato, una tabella bianca con la scritta blu con scritto ‘pass’ che indica ai fruitori del comune dove recarsi ed accedere per varcare la soglia ‘nuova’ del Comune. Una porticina secondaria posta alla destra del ‘tradizionale’ ingresso. Tutto si modernizza, e cosi chi vuole entrare alla casa comunale, da oggi deve accedere ‘solo’ passando attraverso l’ufficio pass dalla porticina rossa, dalla quale poi potrà accedere agli uffici da visitare, previa indicazione dell’ufficio all’ingresso. Da lunedì è entrato in atto il provvedimento in fase sperimentale al Municipio, cosi l’accesso agli uffici avviene solo attraverso identificazione e l’apposizione del pass al collo dell’utente. Diventa cosi un territorio ‘limitato’ la casa cittadina anastasiana? Il sindaco rassicura, “che nulla cambia per i cittadini, chi deve entrare lo potrà fare ugualmente”, anche se il nuovo progetto messo in campo dall’amministrazione del sindaco, Carmine Esposito, provoca qualche malumore non solo tra i cittadini, ma anche a qualche impiegato che dopo decenni si era abituato ad avere le porte della casa comunale ‘spalancate’. Secondo alcune voci che echeggiano nell’androne ormai serrato del Municipio, alcuni disagi potrebbero nascere dalla prossima settimana, momento in cui a riprendere le attività a pieno ritmo sarà l’ex Pretura, che oggi ospita il Giudice di Pace. Un progetto in via sperimentale per l’amministrazione, ma che per molti sembra essere una ‘blindatura’ che nasconderebbe una sorta di controllo su chi accede ai locali comunali. Questi provvedimenti, se pur mal digeriti da alcuni, hanno ottenuto il consenso di tanti altri, ed il sindaco sottolinea “E’ una questione di sicurezza. Noi all’interno del palazzo all’ultimo piano abbiamo il Giudice di Pace e c’è un via vai di persone che andava meglio gestito. Quando il portone era aperto e l’ufficio pass già in attività, posso dire che il sistema non funzionava. Ora funziona, basta solo che chi deve entrare dica dove deve andare, l’accesso viene comunicato e l’ingresso è garantito. Per altro ci siamo messi in riga alle direttive di tanti altri comuni della zona, questo non è un grande problema. A me dispiace, effettivamente il portone chiuso non è bello, ma entrando dalla porta dell’ufficio pass c’è più sicurezza. Ripeto anche se il portone è chiuso noi siamo sempre aperti al cittadino”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.