Home > Speciali > Sant’Anastasia. In manette il sindaco Esposito: colto in flagrante mentre (...)

Sant’Anastasia. In manette il sindaco Esposito: colto in flagrante mentre intasca mazzetta di 15mila euro

sabato 14 dicembre 2013, di Patrizia Panico

SANT’ANASTASIA. Arrestato mentre intasca una mazzetta nei pressi del centro commerciale "Le Aquile", il primo cittadino del Comune vesuviano, Carmine Esposito. Amaro il commento del leader Francesco Emilio Borrelli dei Verdi: "Nessuna meraviglia e nessuna solidarietà ad un personaggio che combattiamo da anni".

Il sindaco di Sant’Anastasia, Carmine Esposito, 58 anni, eletto nel 2010, con il centrodestra ma uscito dal Pdl qualche tempo fa, è stato arrestato questa mattina, poco dopo le 12, dai carabinieri di Castello di Cisterna con l’accusa di concussione. "I militari (al comando del maggiore Michele D’Agosto ndr), che da tempo seguivano l’inchiesta, hanno potuto osservare l’intera scena della "donazione", avvenuta tra l’amministratore e un imprenditore di fronte al Centro commerciale "Le Aquile", di Sant’Anastasia; immediato il blitz dei carabinieri che hanno bloccato l’auto del sindaco subito dopo, mentre si stava allontanando trovandolo in possesso della "bustarella" contenente il denaro che è stato sequestrato", si apprende dalla nota della Procura di Nola.

"L’indagine, nata da un’iniziativa della polizia giudiziaria, che ha saputo guadagnarsi la fiducia della vittima del reato, ha consentito – scrive la nota del procuratore capo, Paolo Mancuso - con il coordinamento della Procura della Repubblica di Nola, ed ottenute le autorizzazioni previste dalla legge, di monitorare tutte le fasi degli incontri, dalla richiesta di tangente (€ 5.000 al mese, ma con gli ’arretrati’ per gli ultimi tre mesi), alla consegna del danaro.

I Carabinieri hanno dunque potuto assistere alla dazione del denaro avvenuta di fronte al centro commerciale "Le Aquile" di Sant’Anastasia, ove l’Amministratore e l’imprenditore si sono incontrati; hanno poi bloccato l’automobile del Sindaco mentre si stava allontanando e lo hanno trovato in possesso della busta contenente il denaro che è stato sequestrato. Sono in corso ulteriori accertamenti, volti a definire compiutamente tutte le ulteriori responsabilità nella vicenda. AI Sindaco - chiosa la nota - è contestato il reato di "induzione indebita a dare o promettere utilità", previsto dall’articolo 319 quater del Codice Penale (cd. concussione per induzione)". Il Procuratore della Repubblica Paolo Mancuso

Secondo quanto riferito dagli investigatori, il primo cittadino stava ricevendo una mazzetta di 15mila euro da una ditta che si era aggiudicata nei mesi scorsi l’appalto per la raccolta dei rifiuti nel comune vesuviano. L’amministratore, chiaramente, potrà ora chiarire la sua posizione.

"Non ci meraviglia affatto l’ accaduto. Sono anni - spiega il membro dell’ esecutivo nazionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli da sempre critico ed in contrasto con il primo cittadino di S. Anastasia - che combattiamo contro i metodi e gli atti del Sindaco Esposito. Per questo motivo fui anche aggredito durante un convegno dei radicali sul’ emergenza Vesuvio dallo stesso Esposito e da alcuni brutti ceffi che lo circondavano. Nessuna solidarietà a questo soggetto che per quanto ci riguarda rappresenta ciò che di peggio sia politicamente che amministrativamente ha prodotto il nostro territorio e che dovrebbe essere per sempre spazzato via innanzitutto dal voto popolare. Adesso bisogna lavorare per dare una guida autorevole e credibile al popolo di Sant’ Anastasia".

Il sindaco Carmine Esposito, è stato portato in caserma a Castello di Cisterna dove vi è rimasto per tutto il pomeriggio per espletare tutte le procedure di rito a seguito dell’arresto, e, prima di essere trasferito nella casa circondariale di Poggioreale.

Dentro il sindaco, all’esterno uno sciame di persone, tra giornalisti, consiglieri comunali, assessori e amici, oltre ad una folla di curiosi. Tutti in attesa di ricevere ulteriori notizie della vicenda che ha certamente choccato la cittadina Vesuviana in questo sabato prenatalizio.

Gli anastasiani, tra l’altro, proprio nella prossima primavera saranno chiamati alle urne per le amministrative. E Carmine Esposito era in pole position per bissare il mandato e governare la città per il prossimo quinquennio.

Per momento il sindaco resterà in carcere fino all’udienza di convalida del gip fissata per la prossima settimana tra lunedì o martedì mattina.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.