Home > Politica > Saviano Città del Carnevale: Giugliano si dimette, Gianpaolo Barbato nuovo (...)

FUTSAL SERIE C2 GIRONE B

Saviano Città del Carnevale: Giugliano si dimette, Gianpaolo Barbato nuovo tecnico

venerdì 21 febbraio 2014

SAVIANO – Dopo le dimissioni per motivi personali di mister Salvatore Giugliano, avvenute nel pomeriggio di sabato 15 febbraio 2014, subito dopo la vittoria del suo ex team ai danni dell’ArtemaFutsal per 7 reti a 5, la società savianese, consultandosi anche con il direttore sportivo Enzo Angri, raggiunge l’accordo con il tecnico Gianpaolo Barbato.

Ad onor del vero, il nome del mister scafatese girava da un po’ di tempo negli ambienti del Futsal campano, ma l’ufficialità si è avuta solo nella giornata di ieri, mercoledì 19 febbraio 2014, quando presso il comunale di via Crocelle si è svolta la prima seduta di allenamento con il neo-allenatore. Barbato non ha bisogno di chissà quale presentazione, il suo nome è già molto conosciuto nel mondo del calcio a 5, avendo egli ricoperto incarichi di rilievo in categorie anche superiori a quella in cui milita il Saviano (C2), ottenendo sempre risultati brillanti. Veterano del futsal, inizia la carriera di dirigente tecnico ben 13 anni fa, nel 2001, guidando lo Scafati (al primo anno vince il campionato di serie B conquistando la promozione in A2), poi col Crystal Modsempre in serie B (sfiora per pochi punti i play-off).

Ricordiamo anche: l’esperienza a San Marzano (in quattro anni porta la squadra dalla C2 alla finale dei play-off nazionale), a Sala Consilina (vince Coppa Italia regionale e porta la squadra in serie B attraverso i play-off). Due anni fa è stato a Gragnano (perde i play-off in C2), l’anno scorso con la Feldi Eboli (sfiora i play-off per pochi punti). Ha allenato in serie C squadre come il Pompei e il Napoli.

In occasione della firma del contratto, abbia incontrato mister Barbato per porgli qualche domanda:

1) Conosceva già il progetto Saviano Città del Carnevale?
“Seguivo la squadra a distanza, vedendo che stava disputando un ottimo campionato con una posizione sempre di vertice. Sapevo che ambiva alla promozione in C1. Poi, qualche giorno fa, sono stato contattato dalla società e dai dirigenti e sono stato informato dei loro progetti presenti e futuri”.

2) Quale è stato il primo impatto con la società? Come ha visto il roster dei calcettisti?
“Del gruppo già conoscevo qualche elemento che negli anni precedenti ha giocato in altre squadra e di cui già apprezzavo le qualità e le doti tecniche. Qualcun altro, evidentemente, lo devo conoscere ora perché ancora non ho avuto il piacere di vederli in campo. Pian piano cercheremo di allestire una squadra competitiva, ancora di più di quanto non lo sia già”.

3) Puntando su di lei, mister di categoria superiore, la società ha dato un chiaro segnale su quelli che sono gli obiettivi del gruppo. Fin dove potrà arrivare questo team?
“Innanzitutto voglio ringraziare la dirigenza che ha deciso di scegliermi. Che io possa essere di categoria superiore o meno lo deve dire sempre e solamente il campo; le esperienze passate lo possono confermare ma sino a ieri, non ora. Ovviamente il mio impegno sarà massimo perché è chiaro che l’obiettivo comune mio e della società è quello di fare bene e di approdare alla categoria massima regionale e faremo di tutto per arrivarci”.

4) Sabato prossima ci sarà una gara non semplicissima contro il Vip Club Vomero (III posto). Cosa dirà ai ragazzi in questi giorni per preparare al meglio la partita?
“Semplicemente farò capire loro che l’obiettivo di tutti deve essere quello di conseguire la vittoria del campionato e per fare ciò bisogna cercare di vincere tutte le gare. Preparerò la partita puntando sul gruppo, sull’intensità agonistica durante tutto il match”.

5) Tra quanto vedremo i frutti del suo lavoro? Sarà possibile già da sabato?
“Beh, mi sembra decisamente molto molto difficile perché cercare di ottenere qualcosa in pochissimi giorni non è facile. Ovviamente cercherò di fare il possibile affinché questo accada, sperando di far capire ai miei atleti ciò che effettivamente voglio da loro”.

Per la società parla il vice-presidente Michele Caccavale: “Siamo certi che Barbato farà molto bene qui a Saviano. Il suo curriculum sportivo parla da solo e non occorrono commenti. Barbato è consapevole delle nostre ambizioni, ha la nostra stima e il nostro sostegno”.

* Nella foto, da sinistra a destra: i dirigenti Raffaele Annunziatae Antonio Sommese, il consulente tecnico Gianpaolo Barbato, il presidente Pasquale Napolitano, il vice-presidente Michele Caccavale.

A cura di Saverio Falco

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.