Home > Attualità > Saviano. Sportello per la difesa del Cittadino

Saviano. Sportello per la difesa del Cittadino

Un’ancora di salvezza per i cittadini in difficoltà, o che hanno solo bisogno di essere ascoltati da una persona amica.

giovedì 5 settembre 2013

Un’ancora di salvezza per i cittadini in difficoltà, o che hanno solo bisogno di essere ascoltati da una persona amica.

È questo l’obiettivo dello Sportello per le Vittime di Violenza e per i Diritti del Cittadino promosso dall’associazione Saviano Migliore, in collaborazione con l’associazione Pandora. L’iniziativa è il coronamento del convegno “La Bestia nel Cuore” promosso sempre da Saviano Migliore la scorsa primavera e vuole essere un aiuto concreto alle vittime di violenza di qualsiasi genere, fisica, psicologica o economica.

La cerimonia di inaugurazione avverrà domenica mattina a partire dalle 11 in Piazza Vittoria a Saviano. Lo sportello sarà attivo tutti i mercoledì dalle 12 alle 13 e dalle 19 alle 20 presso la sede di Saviano Migliore, sempre in Piazza Vittoria.

I casi saranno trattati con il supporto di psicologi, assistenti sociali ed avvocati, nonchè economisti, giuristi ed esperti di diritti dei cittadini. All’inaugurazione interverranno il prof. Carlo Signore della Caritas, responsabile del punto di ascolto di Pozzuoli, una delle eccellenze a livello nazionale in questo campo, la dott.ssa Lucia Miele dell’associazione Pandora, Olga Fernendino responsabile del Pd donne di Saviano, Nunzio Mirra, presidente di Saviano Migliore, e i rappresentanti delle istituzioni locali.

Hanno aderito all’iniziativa l’ufficio Servizi Sociali del Comune di Saviano, il Codacons di Pomigliano d’Arco, presieduto da Mino Iorio, il Pd Donne e la Caritas.

Ufficio Stampa Daniele De Somma: Email: daniele.desomma@gmail.com

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.