Home > Attualità > Scuola Bruniana. Cerimonia di inaugurazione anno di Formazione forense (...)

Scuola Bruniana. Cerimonia di inaugurazione anno di Formazione forense 2014

venerdì 24 gennaio 2014, di La redazione

NOLA. Oggi si è tenuta la cerimonia di inaugurazione dell’anno di formazione forense 2014, presso la sala convegni del Distretto CIS dell’Interporto Campano di Nola. La scelta della sede dell’evento, cuore pulsante dell’economia imprenditoriale napoletana e nazionale, ben si adatta al tema del convegno, che accende i riflettori su «ETICA D’IMPRESA E GESTIONE DEL RISCHIO DA REATO: OSSERVATORIO SULLA RESPONSABILITA’ PENALE DELLE PERSONE EX D.LGS. 231/01».

La relazione introduttiva sarà tenuta dall’avv. Mario Papa, Direttore Generale della Scuola Bruniana, che sottolinea come “la scelta di dedicare la Cerimonia di Inaugurazione dell’anno di Formazione Forense 2014 al delicato problema dell’etica d’impresa risponda alla convinzione che occorre abbandonare il tradizionale rapporto professionista-imprenditore e sostituirlo con uno scambio culturale interattivo e, per questa ragione politica” - conclude l’avvocato penalista nolano - “abbiamo calato il convegno nel luogo-simbolo dell’operosità imprenditoriale”.

L’evento sarà aperto dal saluto del cav. Gianni Punzo, presidente dell’Interporto Campano, e del Presidente del Consiglio dell’Ordine Forense di Nola, avv. Francesco Urraro, e vedrà la partecipazione dell’Unione industriali di Napoli (per la quale interverrà il presidente della Piccola Industria, ing. Paolo Minucci Bencivenga), di “SRM- Studi e ricerche per il mezzogiorno” (per il quale interverrà il presidente, ing. Paolo Scudieri), dell’associazione “Spazio responsabilità sociale” (per il quale interverrà la presidente dott.ssa Raffaella Papa).

Molto folto e qualificato il parterre dei relatori, tra i quali: il dott. Giovandomenico Lepore, ex Procuratore capo di Napoli e oggi presidente di diversi ODV, il prof. Stefano Manacorda, esperto di responsabilità da reato per imprese internazionali, il colonnello Nicola Altiero della Guardia di Finanza, il dott. Tomaso Emilio Epidendio, assistente presso la Corte Costituzionale, nonché magistrati, avvocati, dottori commercialisti, consulenti aziendali esperti della materia e il CdA della Fondazione Forense, composto dagli avvocati Francesco Urraro, Mario Papa, Vincenzo Scolavino, Maria A. Nappo, Rosa Russo e Francesco Arrotta. L’evento diviso in due momenti, sarà intervallato da un light lunch a cura di Città del gusto-Gambero Rosso.

«Molto interessante la sinergia che il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Nola e la Scuola Bruniana stanno realizzando con il mondo imprenditoriale presente nella attivissima realtà commerciale del CIS – Interporto di Nola – evidenzia l’avv. Francesco Urraro, Presidente del Consiglio Forense di Nola - Il Decreto Legislativo n. 231 del 2001, che ha introdotto nell’ordinamento italiano la responsabilità in sede penale anche degli enti, ha rivestito grande rilevanza, in quanto ha sancito che l’ente è responsabile per i reati commessi dai propri dipendenti che hanno realizzato materialmente il fatto illecito, purché abbiano agito nell’interesse o a vantaggio dell’ente medesimo. Questa nuova forma di responsabilità rende necessario, anche per finalità di prevenzione, sottoporre la struttura organizzativa e societaria a un risk assessment per aree e processi a rischio, al fine di individuare, attraverso una mappatura completa delle attività aziendali (cd. risk mapping), quali categorie di reati, tra tutte le numerose previste dal D.Lgs. 231, siano più rischiose per la singola realtà aziendale».

«Con l’evolversi della disciplina inerente la responsabilità degli enti, ex d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, in vigore da oltre dieci anni - afferma l’avv. Giuseppe Boccia, Consigliere Segretario del Consiglio Forense di Nola - sono emersi nuovi ambiti d’intervento per i professionisti. Quest’ultimi assumono un ruolo significativo nell’attività di adeguamento degli enti alla normativa 231, dall’attività di valutazione dei rischi, propedeutica alla elaborazione del modello organizzativo, all’attività di valutazione di idoneità dei modelli organizzativi».

Nell’ambito della manifestazione sarà lanciato il progetto “OSSERVATORIO 231 REGIONE CAMPANIA” - ideato dall’avv. Maria Antonietta Nappo (vicedirettore della Fondazione Forense di Nola) e dal dott. Stefano Cola (presidente dell’Associazione Italiana Organismi di Vigilanza) - per diffondere strumenti di Corporate Governance e Risk Assestment e delineare una “mappatura 231” che consentirà di adottare i MOGC (Modelli di organizzazione, gestione e controllo) da parte delle imprese campane e verificarne l’efficacia anche alla luce dei procedimenti penali in materia pendenti o decisi sul territorio.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.