Home > Cultura > Sigaretta elettronica: do you want smoke an e-gig?

Sigaretta elettronica: do you want smoke an e-gig?

Ecco che col tempo, i servizi di Igiene sanitaria, OMS, “controllori dei controllanti mai controllati veramente” iniziano ad elencare gli effetti dannosi, nocivi, al limite dell’induzione cancerosa da radiazioni degli stessi su cui col tempo bisogna fare una bella croce.

domenica 4 agosto 2013

Nel 2003 nasce in Cina la sigaretta elettronica, il nuovo “hi-secret-affair” da caricare come un gioco nella corrente del “new-marketing” come un modo di vivere del nuovo millennio, lanciati tutti “on the space”.

L’elettronica che invade perfino i nostri vizi naturali, non so quanto sia dannoso chiamare allora “fare sesso” un vizio, c’è chi sta scommettendo già in questo settore, nel cyber-space con nuovi sexytoys!
Siamo sempre più condizionati dalle “news” elettroniche che sapienti ingegnieri e architetti in marcia, notte e giorno, preparano per noi, per la nostra delizia almeno come impatto iniziale, ma poi?

Ecco che col tempo, i servizi di Igiene sanitaria, OMS, “controllori dei controllanti mai controllati veramente” iniziano ad elencare gli effetti dannosi, nocivi, al limite dell’induzione cancerosa da radiazioni degli stessi su cui col tempo bisogna fare una bella croce.

Destino finale, tutti al Servizio di Igiene ma di Salute Mentale per le dipendenze, per i disturbi del controllo degli impulsi, per le nuove classificazioni mentali di elettronica-dipendenza, ivi inclusa la e-cig.
Si sa che nelle e-cig ci sia nicotina a vari dosaggi in forma liquida aggiunta a essenze diverse di menta e rosmarino, di tutti i gusti e profumi, ma non si ancora quanto queste essenze, che viaggiano lungo mercati di contrabbando, siano più o meno dannosi.

Si sapeva anche che, fino a poco fa , un adolescente di 16 anni poteva “inizizarsi “ al rito fumo con le e-cig, era consentito in Italia come in Olanda, sembrava di stare nei coffee-shop tipici, dove la sensazione di libertà era stata finalmente ottenuta anche per i minori.

Incredibile a volte basta un oggetto chiamato elettronico a confondere la vista.

D’improvviso, qualcuno si sveglia, magari qualche politico col figlio adolescente che usa la e-cig, e dice che è vietato al di sotto dei 18 anni!

Menomale va’… ogni tanto qualcosa si guarda, ma ancora non si è visto molto, forse lo vedremo nel tempo dopo il danno, per ora teniamoci la beffa di un sistema di controllo e tutela sui minori al limite del ridicolo.

D.ssaTeresa Petrarca

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.