Home > Cultura > Stefano Benni mette in scena i suoi racconti sull’amore

Stefano Benni mette in scena i suoi racconti sull’amore

martedì 26 novembre 2013, di Roberto Nicorelli

La prima edizione di “Effetto Museo”, rassegna interdisciplinare tra teatro, musica e immagine, ospiterà domenica primo dicembre presso Villa Pignatelli in Napoli, “Cinque racconti sull’amore”, spettacolo scritto ed interpretato da Stefano Benni.
Scrittore satirico e comunicatore d’eccellenza, Benni da anni riempie piazze e teatri con i suoi arguti reading e spettacoli musicali.
Racconti di ogni dove, musica, sollecitazioni letterarie, curiosità dei nostri tempi, arte, jazz, protagonisti della storia… questi sono alcuni degli ingredienti universali che l’autore/attore racconta ogni sera al pubblico nei suoi vivaci spettacoli.
Per “Effetto Museo”, Benni ha scelto, tra i tanti che ha scritto, cinque racconti sull’amore crudeli, comici, folli.
Le tante facce della favola che seduce e illude tutti, dai romantici ai cinici. Un amore dolce e motorizzato tra due teppistelli di periferia, una gara di tradimenti di una mostruosa coppia borghese, la mitica isola di Amikinontamanonamikitama, un vecchio nostalgico che ricorda un antico amore, uno strano incontro tra sconosciuti su un ponte. E poi una sexy cappuccetto rosso rapper e altre poesie. Benni legge in assolo e in duetto con Brenda Lodigiani, conosciuta per le sue apparizioni televisive ma adesso arrivata al teatro con grande successo.
Continua quindi con grande successo “Effetto Museo”, che fino al 12 gennaio 2014 ospiterà a Villa Pignatelli, al Museo di Capodimonte e a Villa Floridiana spettacoli, concerti, reading, performing art, fotografia, video-arte, workshop e momenti di approfondimento legati tra loro dall’incontro di varie discipline artistiche con l’obiettivo di animare e rilanciare spazi museali della città attraverso l’interazione di differenti esperienze artistiche, in linea con le esigenze del MiBACT.
Il progetto è organizzato e promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio storico, artistico, etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli, con il sostegno dell’Assessorato al Turismo e Beni Culturali della Regione Campania, il patrocinio del Comune di Napoli, la direzione artistica di Pino Miraglia e l’organizzazione della Cooperativa Le Nuvole.
La musica, il teatro, la spettacolarizzazione itinerante e la fotografia sono i linguaggi che la rassegna utilizza per avvicinare gli spettatori ai luoghi d’arte, con una proposta variegata che coinvolge il pubblico di tutte le età e che va oltre i consueti orari museali. Un percorso creativo finalizzato al godimento, alla valorizzazione, alla riscoperta e alla percezione di un unicum di conoscenze interconnesse tra loro.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.