Home > Cronaca > Terrazza casalinga a coltivazione di cannabis, in manette 53enne. Aveva (...)

Terrazza casalinga a coltivazione di cannabis, in manette 53enne. Aveva precedenti analoghi.

giovedì 12 settembre 2013, di Patrizia Panico

TORRE DEL GRECO. La casa dove abitava era in un appartamento al quarto piano, in pieno centro cittadino. La serra dove era dedito coltivare illecitamente piante di cannabis indiana (marijuana), pure. In pratica casa e bottega. Una vera e propria piantagione casalinga: giunta a 25 piante di marijuana, la cui altezza aveva superato i due metri.

Per il responsabile, un uomo di 53 anni, scoperto e arrestato dai militari della guardia di finanza della compagnia di Torre del Greco, l’accusa è coltivazione abusiva delle piante stupefacenti, ai sensi dell’articolo 73 del D.P.R.N. 309/90. L’uomo, tra l’altro era un recidivo: dagli accertamenti svolti dai militari è risultato già noto alle forze dell’ordine per analoghi precedenti.

I finanzieri del comando provinciale di Napoli, nell’ambito delle iniziative programmate dalla guardia di finanza a presidio della legalità e a contrasto dei traffici illeciti di sostanze stupefacenti, hanno sequestrato nel Comune di Torre del Greco, una piantagione di canapa indiana realizzata artigianalmente su un balcone al quarto piano di un’abitazione.
In casa del responsabile, i militari delle fiamme gialle, accertata, dunque, la presenza della sostanza stupefacente sul balcone dell’appartamento, hanno eseguito una perquisizione domiciliare che ha consentito di rinvenire 25 piante di marijuana, di cui 4 avevano superato l’altezza di due metri, per un peso complessivo di circa 5 chilogrammi.

Sempre nella stessa abitazione sono stati, inoltre, scoperti 700 grammi della sostanza stupefacente già essiccata e lavorata, 3.730 semi della cannabis indiana e 300 pillole di medicinale terapeutico illegittimamente detenuto.

I militari della finanza, nel corso dell’attività investigativa, hanno anche rinvenuto una vera e propria serra allestita nell’appartamento, con tanto di attrezzature ad hoc per portare avanti la coltivazione delle piantine: c’erano di fatti, un termometro in camera da letto e un forno utilizzato per l’essiccamento della cannabis. Il tutto costruito artigianalmente utilizzando pezzi di un frigorifero ritrovato in sala da pranzo. Tutto sequestrato.

All’interno dell’appartamento i militari hanno sequestrato, inoltre, diversi supporti informatici, un computer portatile e della documentazione che attestava l’attività illecita svolta dal 53enne, relativa appunto alla coltivazione della cannabis indi. Tutto il materiale scoperto dai finanzieri è attualmente al vaglio della Procura della Repubblica di Torre Annunziata, che ha la direzione delle indagini.

L’attività di servizio portata questa mattina testimonia il costante presidio, esercitato dalla guardia di finanza sul territorio, a salvaguardia delle leggi vigenti ed è per questo finalizzata a contrastare un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.