Home > Cultura > Uomo e Galantuomo, il 14 dicembre apre la stagione Teatrale a Visciano (...)

Uomo e Galantuomo, il 14 dicembre apre la stagione Teatrale a Visciano (NA)

A portare in scena il capolavoro in tre atti di Eduardo De Filippo è la compagnia di teatro amatoriale “La Valigia dell’Attore”, attiva sul territorio dal 2005.

domenica 8 dicembre 2013, di Mauro Romano

Sabato 14 dicembre si apre la stagione teatrale a Visciano (NA), al Centro Giovanile PAD con “Uomo e Galantuomo”.

A portare in scena il capolavoro in tre atti di Eduardo De Filippo è la compagnia di teatro amatoriale “La Valigia dell’Attore”, attiva sul territorio dal 2005. La commedia, diretta da Felice La Manna, sarà riroposta in replica il 3 Gennaio 2014.

“Io scrivo per tutti, ricchi, poveri, operai, professionisti… tutti, tutti! Belli, brutti, cattivi, buoni, egoisti. Quando il sipario si apre sul primo atto d’una mia commedia, ogni spettatore deve potervi trovare una cosa che gli interessa”.

Eduardo De Filippo si descriveva così parlando del suo lavoro. Uomo e galantuomo, il cui titolo originale è: “Ho fatto il guaio? Riparerò”, è un suo testo giovanile (1922), classificato spesso come farsa. Ma, seppure caratterizzata da una ricca serie di battute ed episodi irresistibilmente comici, nella commedia emergono una gran quantità di contraddizioni tra l’apparire e l’essere della borghesia contro il dramma proletario di chi ogni giorno affronta la sopravvivenza.

Falso perbenismo contro tragedia. Onore da salvare contro fame. Una commedia di altissimo livello, forse la più divertente, ma che sicuramente segnò per Eduardo il passaggio dalla farsa al teatro di prosa. E guarda caso al centro della commedia c’è proprio il teatro: una scapestrata compagnia, nominatasi “L’eclettica”, porta in scena in una località turistica balneare “Malanova” di Libero Bovio.

Attraverso il classico meccanismo della commedia degli equivoci, si scatena così il teatro nel teatro, la follia tra farsa e dramma evocando sapori pirandelliani. Ma si respirano anche i profumi di Goldoni, di Skakespeare, e forse anche un po’ di quel teatro dell’assurdo che va da Osborne a Beckett a Jonesco.

L’assenza di talento e l’improvvisazione della compagnia fanno, infatti, da contrappasso ai drammi borghesi interpretati invece con talento e una vena di follia. Sullo stesso palcoscenico della vita saranno più attori i benestanti, i cui sforzi mirano ad interpretare ruoli d’apparenza che i veri commedianti protesi, senza alcuna esigenza interpretativa, soltanto quella di sopravvivere al quotidiano.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.