Home > Attualità > Visciano, XV edizione del Presepe Vivente. Il cuore del centro storico (...)

Visciano, XV edizione del Presepe Vivente. Il cuore del centro storico diventa una magica Betlemme.

venerdì 3 gennaio 2014, di Deborah Daniele

Anche quest’anno si rinnova l’immancabile appuntamento col presepe vivente organizzato nel comune di Visciano che fa del suo centro storico una piccola Betlemme per rappresentare il miracolo più importante della nostra storia: la nascita di Nostro Signore Gesù Cristo.

La rappresentazione “E Tu , Piccola Betlemme” - iniziativa promossa dalla Pro loco di Visciano – Gruppo Promotore Presepe con il Patrocinio della Provincia di Napoli e la collaborazione del Comune di Visciano , associazioni civili e religiose - è giunta alla XV Edizione e riscuote ogni anno sempre maggior consenso, diventando oramai un appuntamento importante per il turismo religioso della Cittadella della Carità.

L’evento rientra nel programma stilato dall’ Anno Arturiano , organizzazione che raccoglie tutte le associazioni locali per i festeggiamenti del centesimo anniversario della nascita di Padre Arturo D’Onofrio Servo di Dio, che ha speso un’intera vita al servizio dei più disagiati.

La manifestazione , nata in occasione del Giubileo del 2000 , è considerata oggi una delle più importanti e conosciute rappresentazioni del presepe vivente ed è oggetto di ampi servizi radio-televisivi e resoconti giornalistici. Migliaia i visitatori che ogni anno sono attratti dalla magica atmosfera suscitata da questo evento che, anche quest’anno, si svolgerà nei tre giorni a partire da domani sabato 4 gennaio alle ore 18.00 fino al giorno dell’ Epifania con la pastorale verso il Santuario Maria SS Consolatrice del Carpinello e la rappresentazione della fuga in Egitto .

L’evento che comprende la partecipazione di ben 500 persone tra figuranti e scenografi, darà vita ad uno scenario unico ed emozionante con la suggestiva rappresentazione della Natività realizzata in una vecchia stalla del Cortiglio - zona antichissima del centro storico – che vedrà, nelle vesti di Maria e Giuseppe, una coppia di Visciano e come protagonista il loro bimbo appena nato.
Nel percorso, che da Piazza Lancellotti si snoda per tutto il Centro Storico, è possibile assaggiare cibi e bevande offerti in degustazione ai visitatori facendo loro rivivere odori e sapori ormai persi.
Tra le scene più importanti sono da segnalare: l’ ingresso realizzato in legno pantografato , la Legione Romana , l’accampamento dei Re Magi , la Corte di re Erode , la Sinagoga e il Matrimonio Ebraico.
Degno di nota anche la rappresentazione dei tipici mestieri di quel periodo: tessitrici, ricamatrici, venditrici d’acqua , fabbro , falegname , vasaio , pastori e mercanti che ripresenteranno anche i rumori e la quotidianità della Betlemme di quel tempo .

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.