Home > Politica > Volla. Il Pd convoca gli stati generali: Chiarezza sul Puc e la nostra (...)

Volla. Il Pd convoca gli stati generali: Chiarezza sul Puc e la nostra amministrazione

domenica 24 novembre 2013, di Patrizia Panico

VOLLA. Il Partito democratico di Volla convoca gli stati generali, dopo la bufera sul Piano urbanistico che ha investito la maggioranza(Pd e lista civica) del sindaco Angelo Guadagno nelle scorse settimane: "Riteniamo che sia giunto il momento di fare chiarezza sull’intera vicenda della revoca dell’assessore all’Urbanistica - spiega il segretario di circolo, Giovanni Esposito - delle critiche sibilline e tendenziose espresse in più occasioni dall’ex assessore e dal suo partito, Sel, oltre all’opposizione di centrodestra in consiglio comunale, e a difesa dei suoi esponenti, in primis dal sindaco".

L’incontro si è tenuto questa mattina nell’auditorium della scuola media “Vittorio De Sica”, in via Filichito. "Puc e non solo. Chiarezza su 18 mesi di amministrazione", con esponenti parlamentari del Pd, Luisa Bossa e Massimiliano Manfredi della commissione Antimafia, Salvatore Piccolo deputato commissione Difesa, Assunta Tartaglione della commissione Giustizia e il neo segretario provinciale Venanzio Carpentieri.

Nel corso della manifestazione sono stati esposti ai cittadini i tempi e le modalità del Puc visto dall’amministrazione Guadagno. Un Puc che terrà conto dei “suoi cittadini” e che nel suo indirizzo politico prevede un dimensionamento delle unità abitative: “Volla non è zona rossa e dobbiamo calmierare l’ondata di affluenza che potrebbe giungere da tutti i comuni limitrofi che, invece, rientrano nella zona a rischio vulcanico”, dice Guadagno.

E’ stato, inoltre, stilato il bilancio dei 18 mesi di amministrazione, e, infine, saranno anticipate le manovre messe in campo nel bilancio previsionale, approvato in giunta, e che sarà discusso in consiglio comunale il prossimo 2 dicembre.

Un pacchetto che non prevede stangate ma investimenti sulla manutenzione delle scuole e alloggi ex 219 (600mila euro circa), fondi Ambito per un micronido (bimbi da 0 a 36mesi) e assistenza domiciliare anziani e disabili.

di Patrizia Panico da Il Mattino area sud-costiera

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.