Home > Cultura > Da sabato al via le celebrazioni dell’ottava edizione del “Giorno del (...)

Da sabato al via le celebrazioni dell’ottava edizione del “Giorno del Gioco”. Lunedì prossimo spettacolo di Cristina D’Avena.

venerdì 3 maggio 2013, di La redazione


SAN GIORGIO A CREMANO. E’ tutto pronto per la ottava edizione del Giorno del Gioco, che sarà preceduto da eventi, spettacoli ed attività ludiche rivolte ai bambini ma anche agli adulti. Le iniziative culmineranno, il prossimo mercoledì 8 maggio, nella chiusura della città al traffico per permettere ai più piccoli di riappropriarsi delle strade e delle piazze e di giocare.

Il programma, anche quest’anno, è molto ricco. Si comincia sabato 4 maggio alle 18 presso il centro polifunzionale “San Camillo” in via Figliola con “Il gioco della danza” messo in scena dalle scuole di ballo della città. Domenica 5 maggio mattina, “Bimbinbici”, una pedalata per la città organizzata in collaborazione con la Polizia Municipale ed alle 12.30 in villa Bruno “La pizza compagna di giochi”, un laboratorio per imparare ad impastare e cucinare il cibo più amato dai bambini. La sera sarà il turno, al centro “San Camillo”, dei Kataklò, un gruppo artistico di caratura internazionale che metterà in scena lo show “Il corpo in gioco” e presenterà la campagna dell’Unicef “Vogliamo zero”.

Lunedì 6 maggio tornerà in città la madrina del Giorno del Gioco: alle 11, subito dopo l’inaugurazione dell’evento da parte del sindaco Mimmo Giorgiano al centro “San Camillo”, Cristina D’Avena si esibirà davanti ai ragazzi delle scuole cittadine. Alle 18, in villa Falanga, lo spettacolo “Come Alice” dell’associazione Teatrinil. Martedì 7 maggio alle 17 in biblioteca comunale sarò inaugurato un angolo di lettura per i bambini, a cui seguiranno attività per i più piccoli.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.